Touchdown Magazine logo

1ª Div Week in Preview 11: si gioca senza patemi, i Rhinos calano i jolly

La Prima Divisione chiude la regular season con l’ultima giornata che non conta per la classifica, e intanto torna Ricciardulli per i Rhinos.

Nick Ricciardulli Rhinos Milano

Ultima di regular season in Prima Divisione e per una settimana si andrà in campo senza il problema della classifica.

La classifica infatti ha già detto tutto, Rhinos e Panthers in semifinale, Seamen, Giants, Lions e Giaguari alle wild card e Grizzlies retrocessi in Seconda Divisione, questo week end le squadre in campo giocheranno libere da pensieri, chi per provare qualche soluzione in vista dei playoff e chi per fare bella figura, magari davanti al proprio pubblico, e perchè no, togliersi qualche soddisfazione.

La vera notizia che però ha scosso la Prima Divisione arriva dai Rhinos Milano. I campioni d’Italia in carica infatti avevano già presentato settimana scorsa il nuovo linebacker olandese, Dylan Bakker, proveniente dai North Dakota Fighting Hawks (NCAA DIV I), che farà il suo esordio a Roma contro i Marines, ma oltre al sostituto di Jonathan McNeal, ieri i Rhinos hanno annunciato il rientro nei ranghi di Nick Ricciardulli, il runningback di Humboldt State che lo scorso anno fu MVP dell’Italian Bowl e leading rusher della Prima Divisione con 1327 yards corse e 16 touchdown segnati in 9 partite di regular season ed altre 647 yards con 13 touchdown nelle tre partite di playoff, per un totale monstre di 1974 yards su corsa e 29 touchdown.

A Ricciardulli si unisce anche un altro pezzo forte per i Rhinos, l’offensive lineman Samir El Negro, classe ’98, in forza ai Lobo di Peninsula College di Monterey (California), per i quali essendo un redshirted al primo anno, potrà sfruttare la pausa estiva per aggregarsi ai Rhinos e disputare la postseason italiana e l’EFL Bowl a Thonon Les Bains il 10 giugno prossimo contro i Black Panthers.

El Negro, prodotto delle juniores dei Rhinos Milano, si era messo in mostra già lo scorso anno in linea d’attacco conquistando a soli 18 anni un posto da titolare, e da agosto era poi partito alla volta della California per frequentare l’università di Monterey.

Rhinos dunque che con questi tre innesti aumentano considerevolmente le quotazioni, anche se a onor del vero, hanno disputato praticamente mezzo campionato con il solo TJ Pryor come punta di diamante di un team che non ha avuto sbavature in nessun reparto, ma nel frattempo la concorrenza si è rinforzata parecchio. I neroarancio quindi pareggiano il conto degli import in vista playoff, dove affronteranno nella semifinale la squadra vincente tra i Lions Bergamo ed i Giants Bolzano, due formazioni che hanno accusato un lieve calo di forma ma che hanno comunque i numeri per disputare una buona post season.

Tornando all’undicesima di regular season, quello che possiamo ipotizzare è che i campioni d’Italia proveranno i tre “nuovi” innesti già da domenica contro i Marines, per poi utilizzarli al meglio nell’EFL Bowl di settimana prossima, partita alla quale non parteciperà Dylan Bakker in quanto tesserato dopo l’inizio della manifestazione, e poi a rodaggio avvenuto, vederli in campo nella semifinale. I Marines dal canto loro non saranno solo spettatori, anche se gli ultimi accadimenti (l’esclusione del quarterback USA Brown in primis), ha compromesso di parecchio le possibilità offensive dei romani, che dopo una buonissima partenza ad inizio campionato, hanno via via perso il treno playoff.

Le altre partite in programma più o meno hanno tutte delle buone possibilità di essere interessanti, a partire dall’ex sfida per il titolo dei primi anni 2000, con l’incontro di domenica tra Panthers Parma e Lions Bergamo. I Panthers potranno permettersi qualcosa in più, visto che poi riposeranno fino alla semifinale, mentre i Lions, dopo aver accusato qualche acciacco settimana scorsa contro i Rhinos, probabilmente punteranno sul far fare un po’ d’esperienza alle seconde linee.

Altra partita che potrebbe aggiungere un po’ di pepe al week end è quella di Bolzano tra Giants e UTA Pesaro. I giganti di Tisma hanno accusato un pesante doppio ko nelle ultime due giornate, prima contro i Panthers e poi contro i Seamen, mettendo a segno solo 14 punti in due partite (zero contro i Panthers) e subendone ben 50. La squadra è praticamente al completo, con i due USA e l’oriundo Mark Simone, vera star del team altoatesino, ma dopo una partenza insolitamente sprint (6 vittorie nelle prime 7 giornate), oggi i Giants sembrano un po’ scarichi. Probabilmente stanno solo aspettando i playoff per scatenarsi, ma dall’altra parte ci saranno intanto i sorprendenti UTA Pesaro, che seppur hanno un record decisamente negativo (2-7), sono una delle squadre che ha sorpreso di più in positivo, un attacco poco prolifico, dove il quarterback USA Chase Venuto è stato sostituito con efficacia dall’italiano Aldo Fiordoro, e con un Matteo Spada, vera anima del gruppo, gli UTA Pesaro si sono distinti per la compattezza del gruppo e per la concretezza della difesa (7ª su 11 in campionato).

Cambiamo palcoscenico e andiamo Milano dove i Seamen saranno di scena in casa contro i Guelfi Firenze, una delle sorprese negative del campionato (2-7). Dai toscani ci si aspettava assolutamente di più, e non è detto che proprio in un incontro proibitivo come quello contro i marinai i fiorentini non possano dare il meglio della stagione. Da una parte i Seamen sicuramente non forzeranno i pezzi migliori, e nonostante il rientro di Horn e la buona forma di Bonaparte daranno probabilmente un po’ di spazio alle seconde linee, dall’altra i Guelfi potrebbero invece puntare il tutto per tutto, se non altro perchè dopo ci saranno soltanto le “vacanze”, e quindi cosa c’è di meglio che ottenere una buona prestazione in casa di una delle big 4 del campionato?
Magari non una vittoria, ma almeno una partita giocata alla pari, che darebbe morale ad un team che, rispetto allo scorso anno, sembra aver fatto un po’ di passi indietro.

Chiudiamo con il match tra i Giaguari Torino e i Grizzlies Roma (diretta streaming su FIDAF TV), anche qui potrebbe succedere l’imprevedibile. I Giaguari hanno fatto una stagione discreta se si considerano i problemi avuti con gli import (prima l’infortunio al quarterback e poi la squalifica di Cotrone), e probabilmente la partita contro i romani sarà più un utile allenamento in vista della wild card di Milano del 17 giugno, con un occhio agli infortuni, che sono sempre in agguato, soprattutto quando la stagione non è stata una delle più fortunate (dal punto di vista del personale di gioco). I Grizzlies a Torino potrebbero da parte loro sfruttare la partita per divertirsi e magari fare risultato. Il gap tra le due squadre è alto, molto alto, ma i Giaguari sono in un momento di calo fisiologico, e i problemi di roster potrebbero indurli a non spingere l’acceleratore su una partita che non ha proprio alcun valore per la classifica.

Domenica infine, i Dolphins Ancona, primo team ad aver terminato la regular season, incontreranno i Wartburg Knights (NCAA DIV III) per il “Conero Bowl”, che sarà visibile in diretta streaming su Youtube.

Ecco il programma del week end:

Sabato 3 giugno

ore 14.30 Giaguari Torino vs Grizzlies Roma 📺 [FIDAF TV]
ore 18.00 Seamen Milano vs Guelfi Firenze

Domenica 4 giugno

ore 15.00 Panthers Parma vs Lions Bergamo
ore 15.00 Giants Bolzano vs UTA Pesaro
ore 16.00 Marines Lazio vs Rhinos Milano

Conero Bowl II
ore 17.30 Dolphins Ancona vs Wartburg Knights 📺 [DOLPHINS ANCONA TV]