Touchdown logo

NCAA Week 12 – Nick, ma che hai fatto?!

Nick Saban ha perso il tocco magico. La voglia di vincere lo ha costretto a usare il suo QB come carne da macello.


Prev1 of 7
Use your ← → (arrow) keys to browse

La carriera di Tua Tagovaiola è finita (aggiungiamo “sostanzialmente”).

A chi dare la colpa?

Stiamo rivivendo in un certo qual senso, quello che successe a Ronaldo, nella finale mondiale di Francia ’98. Quel Brasile sembrava una forza della natura, ma un attacco epilettico, la sera precedente la partita, mise in allarme l’intero contingente verdeoro. Ci fu una commissione parlamentare d’inchiesta, e alla fine, non si risolse nulla.

Chissà invece chi verrà “interrogato”, per aver detto che Tagovailoa era “fit to play” (adatto a giocare). Hanno fatto già le domande a Nick Saban, che le ha liquidate senza una forte assunzione di responsabilità, ma c’è un discorso da sviluppare.

Chi si assume la futura responsabilità di prendere un QB, promettente, e anche tranquillo, che nello spogliatoio si inserisce bene, e farlo giocare sapendo bene la sua particolare inclinazione a infortunarsi?

Ma c’è un’altro aspetto della storia, che dobbiamo raccontarvi in questa Week 12.

Se da una parte c’è un Nick Saban in crisi d’identità, a Baton Rouge c’è una coppia che dentro e fuori dal campo dimostra di essere più unita che mai. Ed è quella che riguarda la famiglia Orgeron.

Sarei un po’ un paraculo nel dirvi che dietro un grande uomo, c’è anche una grande donna. Forse possiamo anche azzardare che dietro Ed Orgeron, c’è dietro una filosofia di allenamento e di gara che rasenta l’amore per i propri giocatori e per il proprio staff.

Infatti, dopo l’esperienza a Ole Miss, Orgeron promise a se stesso di trattare tutti i suoi giocatori come fossero suoi figli. E peccato per USC, che aveva tra le mani un valido allenatore, e decise di scaricarlo senza troppi convenevoli.

“Vedrai tesoro, Dio ha in serbo qualcosa di più grande”

“Ne sei sicura? Più dell’Università della Southern California?”

Mai e poi mai quel signore, che nelle fattezze ricorda molto Nereo Rocco, poteva immaginarsi di diventare l’Head Coach della Lousiana State University, portarla in cima al ranking, ed essere sotto i riflettori per come sta andando la stagione.

Che dopo i risultati di sabato, è da considerarsi (sostanzialmente) finita.

Parlando invece delle curiosità di questa settimana di NCAA, Trevor Lawrence, il Principe di Clemson, ha incontrato la sua sosia. No! NON È UN ERRORE DI GRAMMATICA. Non capite di cosa sto parlando? Ecco a voi la prova.

ECCO A VOI I RISULTATI DELLA SETTIMANA RELATIVO ALLE TOP 6

Arizona – 6

Oregon (#6) – 34


Alabama (#5) – 38

Mississippi State – 7


Georgia (#4) – 21

Auburn (#12) – 14


Clemson (#3) – 52

Wake Forest – 3


Ohio St. (#2) – 56

Rutgers – 21


LSU (#1) – 58

Ole Miss – 37

Prev1 of 7
Use your ← → (arrow) keys to browse


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.