Touchdown logo

Intervista a Guido Cavallini nuovo coach u18 dei Seamen

Per presentare il curriculum di giocatore di Guido Cavallini non basterebbero mille pagine. Una vita dedicata al football nel quale ha colto risultati importanti con maglie prestigiose sono solo il biglietto da visita di un atleta eccezionale. La medesima classe e il medesimo spirito battagliero Guido li ha trasferiti in campo come allenatore dove in […]



Per presentare il curriculum di giocatore di Guido Cavallini non basterebbero mille pagine. Una vita dedicata al football nel quale ha colto risultati importanti con maglie prestigiose sono solo il biglietto da visita di un atleta eccezionale. La medesima classe e il medesimo spirito battagliero Guido li ha trasferiti in campo come allenatore dove in brevissimo tempo ha messo in mostra grandi capacità che ne hanno fatto uno dei tecnici emergenti più interessanti dell’intero panorama nazionale. I Seamen non se lo sono fatto scappare assegnandogli il ruolo di head coach under 18 per l’imminente, nuova stagione. Lo abbiamo intervistato in esclusiva per presentarlo a tutti gli appassionati.

1. Ciao Guido. Benvenuto nella grande famiglia Blue Navy. Cosa ti ha indotto a scegliere i Seamen ?

Dopo la dolorosa chiusura dei Puma senior ho conosciuto dall’interno la famiglia Seamen con il passaggio di molti nostri atleti. Vi ho trovato gli stessi valori e filosofia sportiva. Quindi mi è sembrato naturale portare tutto il nostro movimento giovanile a bordo di questa grande nave. Più equipaggio valoroso, più comandanti in seconda e grande staff mi sembrano il presupposto migliore per far crescere i giovani atleti.

2. I Seamen hanno conquistato due titoli nazionali e tre finali negli ultimi anni (U18 e U21). Come giudichi tecnicamente la tua nuova realtà ? Trovi ingombrante o stimolante il recente passato, vincente, dei settori giovanili ?

Vedere muoversi sul campo settanta under 18 e under 15 è già di per sè un miracolo sportivo in questa Milano ed in questo paese dove sembra esistere solo il calcio. Tecnicamente tutti i ragazzi hanno moltissimo da apprendere. Riesco a vedere cosa possono diventare e li aiuto a divenire grandissimi atleti e uomini migliori. Tutto ciò è per me un grande onore ed una grande responsabilità. Ritengo assolutamente una grande sfida cercare di raggiungere i fasti del recente passato in un movimento che sta crescendo in maniera esplosiva. Limpegno è tanto e chissà……. Il passato lo guardi per diventare migliore.

3. Ci vantiamo di avere uno degli assetti organizzativi più solidi in Italia. Qual’è stato il tuo impatto con la società e con l’organizzazione targata Seamen ?

Per deformazione professionale tendo a cercare sempre nell’organizzazione di un’attività cosa sia possibile migliorare o quali siano gli aspetti deficitari, ma i risultati dei Seamen in soli tre anni sono davanti agli occhi di tutti, guidati da un leader “sognatore” e da tantissimi dirigenti che ci mettono tempo, energie ed aiuti, senza il minimo ricompenso finanziario, ma solo per essere a bordo di questa nave che in poco tempo sta diventando un transatlantico….. Mi sembra il minimo fornire il mio contributo.

4. Il football italiano pare orientato verso una netta ripresa che si articola su più livelli. Cosa hai apprezzato maggiormente negli ultimi tempi e cosa ti piacerebbe ottenesse il nostro movimento nei prossimi anni ?

Dopo tanti anni di latitanza e ripartendo dal basso il football sta finalmente raggiungendo un traguardo dietro l’altro. Mi è piaciuta molto la crescita organizzativa della squadre e della federazione. Parlando solo dei settori giovanili spero che già dalla prossima stagione si possa passare a campionati nazionali Under 19 a 11 giocatori , Under 16 a 7 e Under 13 five men… Questo ci avvicinerebbe all’Europa e al resto del mondo che pratica football. Può non essere facile per tutti, ma la federazione deve essere anche da stimolo. Così finalmente usciremmo da alcuni strascichi di campanilismo ancora presenti.

5. Sappiamo essere sciocco qualsiasi paragone con gli anni ottanta, ma a tuo giudizio cosa manca al nostro football per tornare a quei livelli ? Trovi differenze nei ragazzi che approcciano la disciplina rispetto ad allora ?

Vi è ancora differenza tra il livello fisico ed atletico che esprimeva il football degli anni ‘80 e quello attuale, ma giocatori giovani e completi dal punto di vista tecnico, fisico e atletico stanno sempre più emergendo. Credo che entro i prossimi tre anni questo gap verrà colmato. No, i ragazzi che si approcciano a questo sport non sono cambiati, hanno la stessa luce negli occhi, desiderio e passione che avevamo noi. Quello che è cambiato è la società che gli gira intorno e con la quale dobbiamo fare i conti tutti i giorni.

5. Il più bel ricordo di football di Guido Cavallini.
Da giocatore il mio ricordo più intenso è legato ad un touchdown su kickoff return su di un campo con 20 cm di fango, dopo una finta particolare e 85 yds di volo in meta…. Era il mio primo anno.
Da allenatore il mio ricordo più bello…… Lo sto costruendo.

6. Un tuo parere sui tornei di quest’anno e, in particolare, sul Super Bowl varesino.

Cattiva l’organizzazione e l’attenzione verso i tornei five men e i tornei giovanili partiti in ritardo che hanno costretto alcune squadre a giocare tre partite in una settimana. E’ mancata ancora una buona convenzione per le trasferte in aereo ed infine segnalo il grandissimo sforzo e la bella organizzazione per il Superbowl varesino. Penso solo che a luglio, se si riuscisse a legare questo evento ad una località di mare con intorno altri eventi, forse sarebbe ancora tutto più bello.

7. Avrai l’onere e l’onore di guidare il team u18. Ti sei fatto un’idea sulle squadre da battere ?

Disciplina, intensità, organizzazione, ovvero le regole del D.I.O. football guideranno la nostra season under 18. Di fronte troveremo avversari agguerriti e migliorati. Tra loro vedo Giaguari, Panthers, Draghi e gli attuali campioni Grizzlies: tutti team con un ottimo programma giovanile.

8. Un saluto ai tifosi blue navy e una promessa o forse sarebbe meglio dire un pensiero sul prossimo campionato. Dove arriveranno i tuoi Seamen?
Appena sale il vento innalzeremo le vele e navigheremo dritti sull’obiettivo, verso mari pescosi, senza pause e senza timori. Confidiamo nella buona sorte ed affronteremo ogni partita come un ‘ avventura. Chiunque ci incontra sappia che sulla nave Seamen il motto è ” parte della ciurma, parte della nave, parte della nave, parte della ciurma”….Tra poco si salpa.

fonte Touchdown


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.