Touchdown logo

Power Rankings NFL 2016 week 4

I Broncos confermano la propria supremazia approfittando della caduta dei Pats e i Vikings si impongono come la squadra da battere nella NFC.

Harrison Smith in New York Giants vs Minnesota Vikings

3 of 4
Use your ← → (arrow) keys to browse

The Pretenders

#11 (-3): Green Bay Packers (2-1) – Nessuna ragione per questa caduta che dipenda da loro. Altri stanno imponendosi con autorevolezza, mentre i Packers dovranno dimostrare di avere saputo usare il bye per risolvere alcune difficoltà evidenziate nelle prime tre uscite stagionali

#12 (+2): Houston Texans (3-1) – Tornano al successo dopo il blackout di Foxboro e l’annuncio dell’infortunio che conclude prematuramente la stagione di JJ Watt. D’altronde, con i Titans la vittoria era d’obbligo. Ancora una partita sulle montagne russe per Osweiler, ma sarebbe soprattutto il caso di cominciare a parlare di Will Fuller come un possibile candidato a offensive rookie of the year (7 REC, 81 YDS, 1 TD più un punt ritornato in meta per 67 YDS)

#13 (+2): Los Angeles Rams (3-1) – Come è giusto che sia, alle critiche a Jeff Fisher per anni di record oscillanti intorno a .500 a Nashville e St. Louis, ora devono seguire elogi per gli evidenti passi in avanti di questa squadra. Forse è prematuro ritenerla pronta per giocarsi un posto ai playoff, ma il trend è incoraggiante

#14 (+2): Cincinnati Bengals (2-2) – Approfittando di un avversario malleabile come Miami, tornano brillantemente alla vittoria mostrando un AJ Green spettacolare (10 REC, 173 YDS, 1 TD) come lui sa essere spesso

#15 (-8): Kansas City Chiefs (2-2) – Polverizzati da degli Steelers arrabbiatissimi dopo la Week 3, dovrebbero ora prendere esempio proprio da Pittsburgh per cercare un pronto riscatto, quanto mai necessario anche perché, nella AFC West, fra i Broncos alla caccia della doppietta e i risorti Raiders, la lotta sarà serrata. Il bye potrà aiutarli a riposarsi e pensare a come ritrovarsi quanto prima

#16 (-7): New York Giants (2-2) – Sconfitta senza attenuanti a Minneapolis e ridimensionamento inevitabile dopo le due vittorie di inizio stagione. Il Sunday Night a Green Bay non sarà la prova più semplice per tentare il riscatto

#17 (+5): Washington Redskins (2-2) – Hanno rischiato anche troppo contro i Browns, ma hanno portato a casa un’altra vittoria indispensabile per restare in corsa nella NFC East. Sembrano in crescita e questo può essere importante dopo un primo quarto di stagione iniziato sicuramente sottotono

#18 (+6): Buffalo Bills (2-2) – Dopo i Cardinals, mietono un’altra vittima illustre, lasciando addirittura a secco l’attacco dei Patriots. Forse che finalmente Rex Ryan stia riuscendo a fare seguire i fatti alle chiacchiere e alle sparate con cui ci delizia ogni settimana?

#19 (-2): Carolina Panthers (1-3) – Forse si può ufficialmente parlare di crisi, a maggior ragione alla luce della possibile assenza di Cam Newton, dopo la commozione cerebrale sofferta contro i Falcons. Occorre reagire prontamente e ricevere Tampa Bay in casa è un’opportunità da dentro/fuori nel prossimo Monday Night

3 of 4
Use your ← → (arrow) keys to browse

Please follow and like us:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.