Touchdown logo

Brividi per Frisco, i Patriots rimontano ma non basta per vincere

Al Gillette Stadium si affrontano i Patriots, squadra degli anni 2000 per eccellenza, ed i 49ers squadra in ricostruzione dopo i fasti degli anni ’80 e ’90.

I 49ers festeggiano, hanno battuto New England e volano in classifica

I 49ers festeggiano, hanno battuto New England e volano in classifica

Al Gillette Stadium di Foxborough si affrontano i Patriots la squadra degli anni 2000 per eccellenza reduce dalla schiacciante vittoria contro i Texans e con l’attacco più prolifico della NFL, ed i 49ers squadra in ricostruzione dopo i fasti degli anni ’80 e ’90 che hanno la difesa migliore della lega.

I QB sono Tom Brady per i patrioti e Kaepernick per gli uomini della baia. C’è brutto tempo a Foxborough e la pioggia che cade copiosa minaccia di rendere la partita molto interessante. Dicembre poi è il mese speciale dei Patriots che non perdono in casa dal lontano 2002.

Si parte con New England in attacco costretta subito ad un punt dalla difesa avversaria. Visto che i niners in attacco sono stati piuttosto deludenti nelle ultime apparizioni, vedere il QB Kaepernick lanciare 3 completi consecutivi per i WR Crabtree e Moss guadagnando oltre 40 yd fa presagire un buon inizio di partita, ed il successivo lancio nel profondo per Moss, che elude la guardia dei difensori blu-argento, in end zone per un TD da una scossa alla partita.

I niners sono in vantaggio 7-0. La pioggia che rende la palla viscida al controllo risulta essere una saponetta nelle mani dei giocatori in campo. Un lancio profondo di Brady trova la difesa dei niners pronta: intercetto per opera del CB Rogers che corre con l’ovale verso la end zone avversaria e solo l’estremo tentativo del QB Brady, ancorché goffo, riesce ad evitare un TD sicuro! La palla è sulle 5 yd dei patrioti e Sanfra dovrebbe approfittarne, però il TE Walker dopo la ricezione viene colpito duramente dalla difesa e perde il pallone riconquistato dai Patriots.

L’attacco dei padroni di casa risulta sterile e non produce alcuna situazione positiva così i niners si ritrovano ancora in attacco e riescono, grazie ad una finta di punt, ad arrivare in zona field goal (39yd), ma il calcio risulta laterale e quindi il punteggio resta invariato. Brady e compagni fino ad ora sono stati ben controllati mentre Sanfra prova a punire i patrioti ma il TE Davis lanciato in end zone non riesce a ricevere per un’inezia. I niners affrontano un 4° tentativo e inches che non va a buon fine a causa dello snap orribile, e non è la prima volta in questa partita, causa pioggia e poca accuratezza, che la palla cada tra il centro e il QB ospite. Finisce il primo quarto e non ce ne siamo accorti tanto la partita è stata intensa con svariati cambi di possesso.

Il drive di New England che inizia nel secondo quarto è uno di quelli che hanno reso famoso Tom Brady nel mondo NFL. Lanci precisi e corse a tagliare in due la difesa avversaria, portano per la prima volta i padroni di casa nel territorio dei niners. Il TE Hernandez in assenza del “monumentale” Gronkowski è un terminale sicuro per Brady, ma ciò nonostante il drive si conclude con un sack subito da Brady stesso che vede i Patriots costretti al field goal che fissa il punteggio sul 7 a 3.

Kaepernick entra di nuovo sul terreno di gioco e grazie all’aiuto di Gore, che conquista un bel primo down e costringe la difesa ad una maggiore attenzione alle corse. Il lancio di 34yd per il TE Walker in end zone risulta essere la conseguenza di quanto detto prima. Il tabellone adesso segna 14-3 niners.

I Patriots con le corse guadagnano qualcosa ma sono i lanci di Brady che non vanno a buon fine e costringono la difesa casalinga a rientrare presto in campo. A questo punto con poco più di 6 minuti alla fine del primo tempo i 49ers imbastiscono un attacco che alterna le ricezioni di Crabtree e le corse di Gore che fa trascorre parecchio tempo ed infine Kaepernick si ritrova all’interno delle 10 yd di New England a pochi secondi dalla fine. Una penalità offensiva contro Moss però vanifica gli sforzi degli ospiti costringendoli al field goal di fine primo tempo che porta il punteggio sul 17 a 3 all’intervallo.

L’inizio del secondo tempo avviene con i niners in attacco: Kaepernick lancia in end zone per Randy Moss ma il pallone inteso per il ricevitore viene intercettato da McCourty che riconsegna la palla a Brady e compagni. Il tempo di un completo per LLoyd e Brady è di nuovo al lancio che viene completato ma un placcaggio di Whitner ai danni del running back Ridley causa un fumble ricoperto da Goldson che corre verso la end zone e viene fermato sulle 6yd! Kaepernick rientra in campo e come al solito pasticcia con il centro perdendo la palla che cade nella “tasca”, causando il panico nel fronte offensivo dei niners, ma viene prontamente recuperata da Gore che evita i placcaggi e grazie a questo gioco rotto entra in end zone realizzando un TD fortunoso ma importante per la sua squadra. Il tabellone indica sorprendentemente 24-3 per gli uomini di sanfra.

La situazione comincia a farsi pesante per Brady e i suoi patrioti, il rientro in campo avviene con un lancio per Hernandez che nella mischia viene colpito e l’ovale finisce nelle mani di Aldon Smith che cerca di correre verso la end zone avversaria ma viene a sua volta placcato sulle 27yd dei Patriots.

Kaepernick torna sul terreno di gioco e l’azione si sviluppa con un lancio che subito porta in end zone il WR Crabtree che riceve in mezzo alle due safety ed allarga il divario tra le due squadre portandolo a 31-3. C’è una sola squadra in campo e sono i 49ers, il tempo sulla baia è ottimo il sole splende in maniera stupenda.

Sono passati solo 5 minuti nel terzo quarto e sembra una partita finita; ma se c’è una squadra, e la storia lo ha dimostrato, che può rientrare da uno scarto così ampio questa è senza dubbio quella di New England! Ma Brady si deve mettere al lavoro e fare in fretta.

Ovviamente la difesa dei niners resta in controllo dei big play sul profondo, e Brady si prende quel che viene concesso. I patrioti avanzano di buona lena e con i passaggi completati per Hernandez e Welker si trovano nella red zone pronti a ridurre lo svantaggio. Il tutto avviene con un TD su corsa del RB Woodhead che accorcia le distanze. 31-10.

Sanfra deve amministrare cercando di guadagnare qualche down per far scorrere il tempo. Non avviene niente di tutto questo e gli uomini di casa grazie alla loro difesa si ritrovano subito la palla in mano in attacco. Brady adesso è caldo e completa ad ogni lancio, quello più decisivo risulta essere un passaggio di 41yd per il TE Hooomanawanui. La palla sulla 1yd vede la reazione della difesa dei niners che costringe i giocatori di casa ad un quarto down. Il terzo quarto è da poco finito e ci aspetta un ultimo quarto coi fiocchi.

La QB sneak porta Tom Brady a realizzare un nuovo TD per i Patriots che accorciano ulteriormente, ora siamo 31-17 e la partita è tornata viva. L’attacco dei 49ers però accusa il colpo e rende la palla agli avversari. Brady ormai sente odore di grande rimonta e dopo aver raggiunto il record di 4000yds lanciate su passaggio per la 5 volta, completa un decisivo 4° down da 2yd per Welker.

Una successiva penalità difensiva su lancio porta la compagine di Boston a poche yards dell’ennesimo touchdown ed infatti la ricezione di Hernandez in end zone riapre del tutto la partita, il punteggio ora è quanto mai equilibrato, 31-24 niners.

L’attacco dei niners si è fermato al 3° quarto ed il sack su Kaepernick è la logica conclusione di tutto ciò. Brady invece ha la chance del comeback!
La posizione è di quelle da brividi: inizia l’attacco sulle 8 yd. Ma il coraggio e il braccio al formidabile QB dei blu-argento non manca di certo. Uno stupendo lancio completato per LLoyd porta ad un big play per un guadagno di 53yd! Aggiungiamo il completo per Branch e la squadra di casa, in pieno visibilio del pubblico, è già dentro le 10 yd dei niners.

Brady (mettendo a rischio la salute sua e le coronarie dei propri tifosi) prende la palla corre verso la end zone e scivola in avanti a pochi centimetri dal pareggio. Ha sfruttato splendidamente lo spazio vuoto lasciato dalla difesa avversaria. Woodhead con una corsa di 1yd porta il risultato in parità dopo appena 5 minuti. Fantastico come back.

C’è una sola squadra in campo e sono i New England Patriots, il tempo sulla baia è molto nuvoloso con tendenza alla burrasca! Si riprende con il kick off ed il ritornatore James (runningback prestato allo scopo dopo le non esaltanti prestazioni dei ritornatori designati) porta un guadagno sensibile per circa 62yd!

Kaepernick alla prima azione lancia un passaggio di circa 10yd per Crabtree che evita il placcaggio e corre indisturbato in end zone. San Francisco è tornata di nuovo avanti 38-31, e in un amen!

Brady torna in campo, ma stavolta la difesa dei 49ers riesce a placcarlo per ben 2 volte di fila e la palla torna agli ospiti! Il lampo di sanfra non si replica e così, pur con il trascorrere del tempo, la palla è di nuovo nella salde mani di Brady. Siamo sulle 3yd dei patrioti e quasi nel two minutes warning.

Purtroppo per Brady e compagni il 4° tentativo non riesce e Sanfra si ritrova in attacco in zona da field goal per allungare le distanze. Prontamente, stavolta, Akers segna i 3 punti che allungano e forse segnano la fine della partita. 41-31.

Brady ci prova, si prende quel che viene concesso dalla difesa ma il tempo è veramente poco e non resta che affidarsi ad un field goal per fissare il punteggio finale in 41-34.

Beh che dire, che partita! La più bella della stagione, e personalmente, una delle più belle di sempre! La difesa dei niners scava un solco che l’attacco dei patrioti ricuce in un battibaleno! Che bello è questo sport che ti tiene attaccato ad orari impossibili e che ti fa sobbalzare ad ogni azione. Aldilà del risultato sul campo, non c’è un vincitore in questa partita. Ha vinto il football NFL e le sue emozioni.


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.