Touchdown logo

Mastini convincenti a Padova

Convincente prova degli Agsm Mastini Verona nella prima trasferta di campionato. Sul manto erboso del Plebiscito di Padova la squadra gialloblù mantiene il comando delle operazioni, non senza fatica, per la resistenza dei Saints bravi soprattutto a non mollare sino alla fine. Una splendida giornata di sole permette finalmente un gioco aereo importante da ambo le parti, con […]


Convincente prova degli Agsm Mastini Verona nella prima trasferta di campionato. Sul manto erboso del Plebiscito di Padova la squadra gialloblù mantiene il comando delle operazioni, non senza fatica, per la resistenza dei Saints bravi soprattutto a non mollare sino alla fine. Una splendida giornata di sole permette finalmente un gioco aereo importante da ambo le parti, con i gialloblù a segno dopo qualche azione di studio con una splendida azione del quarterback Pasquetti, abile a pescare libero Artan Jakaj con un lancio di circa 60 yards. (7 a 0). La defense scaligera, capitanata dal veterano “Shark” Murari , argina molto bene il gioco offensivo dei patavini con pressione asfissiante. Arrivano infatti il sack di Rota e la fumble recuperata da Mutascio, pronti a regalare una facile posizione di campo ai compagni. L’attacco di coach Maggini prepara al meglio la seconda segnatura con un gioco molto attento che vede il runningback Capogrosso siglare il vantaggio del 14 a 0. I Saints non ci stanno e reagiscono nel migliore dei modi mescolando azioni a corto raggio con alcuni tentativi di lancio sul profondo. È però la free safety De Giovanni a recuperare palla per i ragazzi del defensive coordinator Gianluca Ottenio, con un importante intercetto sul quarterback patavino poco prima dell’intervallo. Nel terzo quarto i Mastini premono sull’acceleratore, e già nel primo drive le splendide corse di Federico Quarella, coadiuvato dalla linea di attacco gialloblù, portano alla segnatura di Michele Viviani, che riceve splendidamente un lancio di Turotti per il 20 a 0. I Mastini sembrano prendere il largo, visto l’importante copertura di Brunelli, abile a vanificare una splendida azione aerea biancoscudata. Ma Padova non molla, e trova il touchdown di Garofalo per il 20 a 7 parziale. Nel quarto quarto la stanchezza si fa sentire e le difese di ambo le squadre concedono qualcosa in più. Ad approfittarne sono prima i Mastini con l’ennesimo touchdown di Michele Viviani (27 a 7) e poco dopo, nuovamente il runningback patavino Garofalo per il 27 a 14 che accende il pubblico sugli spalti. Nel finale di gara c’è tempo però per le splendide corse di Zanola  che conclude con la sua segnatura personale. Calcio addizionale di Elia Viviani fissa il punteggio sul 34 a 14. C’è tempo però per vedere ancora una grande difesa Mastini, con il devastante sack di Gualdi e il recupero di palla di Roberto Sebastiani, a concludere definitivamente la gara. Parole di elogio nello spogliatoio gialloblù per il risultato importante acquisito contro una buona squadra. L’head coach Michele De Martin ha infatti motivato i suoi ragazzi a pretendere di più da loro stessi, applaudendo l’atteggiamento mai domo dei Saints Padova. Per i gialloblù ora due settimane di lavoro in attesa della prima stracittadina di questa stagione.

 


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.