Touchdown logo

IFL week 3 in review: che crollo i Panthers!

Settimana incredibile nella IFL che vede in campo 10 squadre su 12, e vede il crollo dei Panthers Parma in casa dei Giants Bolzano.

Giants Bolzano Panthers Parma 2015

Giants Bolzano Panthers Parma 2015

Settimana incredibile nella IFL che vede in campo 10 squadre su 12 (Lions-Rhinos si giocherà il 4 aprile), e vede il crollo dei Panthers Parma in casa dei Giants Bolzano.

Il risultato dello stadio Europa è l’unica sorpresa (ma non per noi di Touchdown.it !!! leggi la schedina), anche se i risultati di Milano e Ferrara non rendono merito agli sconfitti.

Un campionato più equilibrato di quello che ci si possa immaginare, faticano nel girone Nord come nel girone Sud, dove le certezze sono sempre Dolphins e Marines, che però faticano non poco per portare a casa la terza vittoria consecutiva.

The Big Match
Il big match della terza giornata è lo scontro tra Giants Bolzano e Panthers Parma nel girone Nord. Uno scontro al vertice che sancisce la provvisoria reggenza dei Giants, capaci di rimontare tre volte i Panthers e andare a vincere la partita nel quarto quarto grazie all’intraprendenza di Morant che subentra ad Adams, ancora non al top, e va a seminare il panico nella retroguardia ducale.
Parma ha come attenuante la mancanza di Andrew Papoccia, poliedrico linebacker/running back nonchè head coach della squadra bianconera, e se vogliamo mettere il carico, possiamo dire che prima del doppio colpo del k.o. Morant-Petrone, l’armata guidata da Tommaso Monardi aveva anche tenuto bene in mano la gara.
Un finale di partita fatale per i vicecampioni d’Italia che perdono lo scettro momentaneo, e un passo avanti per i Giants che dopo la partita tirata fino alla fine contro i Rhinos e la vittoria, senza brillare contro i Lions, dimostrano di essere concreti tanto quanto basta.

Tra le altre partite, vittoria per i Seamen Milano sui Giaguari Torino per 41-24, ma il risultato punisce oltremisura i piemontesi che fino a metà del terzo quarto erano in vantaggio per 16-13. Dally non ha mai dato l’impressione di forzare l’attacco, che è andato molto spesso per via terra con Binda, almeno fino a 15 minuti dal termine, tanto è bastato ai milanesi per scatenarsi sugli avversari portandosi da 13-16 a 41-16 che ha definitivamente spento le velleità di vittoria dei gialloneri.

Il girone Sud rispetta le consegne con i Grizzlies che vincono per 26-0 contro i Briganti Napoli, partita ovviamente mai in discussione, tutt’altra storia invece Warriors-Dolphins e Aquile-Marines.

A Ferrara la partita rimane in equilibrio perfetto fino alla fine, quando i Marines si ricordano di essere una candidata alla testa del girone e sbloccano il 14-14 chiudendo l’incontro 30-14, ma che fatica!

A Bologna i Dolphins scoprono che non è sempre tutto rose e fiori, e la partita rimane inchiodata sullo 0-0 per parecchio, anche troppo, e non è una scusante l’epulsione di Harris. L’attacco si è fatto imbrigliare e solo nel finale arrivano i 10 punti che permettono ai marchigiani di tenere il primo posto insieme ai laziali.

L’impressione è che in questo turno, a parte il big match di Bolzano, le altre squadre si siano risparmiate, forse per non concedere troppe informazioni alle prossime avversarie.

Il prossimo turno infatti ci proporrà due partite da non perdere nel modo più assoluto: il derby di Milano tra Rhinos e Seamen (sabato 28 ore 18.00) e lo scontro al vertice tra Marines e Dolphins a Roma domenica 29 alle ore 15.00.


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.