Touchdown logo

Sintesi del Monday Night Football NFL “condensed”, Falcons @ Buccaneers

Il Monday Night tra Atlanta Falcons e Tampa Bay Buccaneers visto da Andrea Donati per Touchdown Magazine.

#mnf condensed

– Si comincia con due three-and-out consecutivi, non promette bene.
– Freeman è cresciuto così in forma perchè fintava anche i fratelli per andarsi a prendere il bis di pasta al ragù.
– Nei due drive successivi entrambe le squadre segnano, solo che i Falcons lo fanno in 2 minuti di gioco, con 3-4 azioni perfette e senza apparenti sforzi. I Buccaneers per contro evitano un three-and-out grazie ad una flag dubbia, esauriscono tutto il quarto, riempiono l’infermeria, fanno una fatica immane a conquistare 10 yard in tre tentativi e arrivano al touchdown con un volo di Howard al limite della sideline.
– I Falcons sono saggi: hanno capito che se danno la palla a Freeman vincono la partita.
– I Buccaneers sembrano quei maratoneti stremati che arrivano agli ultimi metri e crollano a terra senza tagliare il traguardo.
– Il problema è che i Falcons non sono affatto come quei maratoneti che aiutano i compagni svenuti a terra, ma anzi, non solo li sorpassano ma nel farlo li calpestano pure.
– Matt Bryant segna un field goal da una distanza tale che i nord-coreani hanno temuto fosse in atto un attacco missilistico statunitense.
– Nel secondo tempo la NFL ha chiesto a Matt Ryan di lanciare tenendo un occhio chiuso per vedere se la partita diventa più interessante.
– Evans per ricevere un lungo lancio di Winston si fa largo tra gli avversari a suon di bastonate sulla schiena: pass interference, offense.
– Si allestisce un metal detector che spoglia Evans di tutte le sue armi e al big play successivo Evans porta a casa il TD senza fare falli.
– Freeman si appoggia ad un ragazzone che tiene un microfono direzionale a parabola e questi comincia a rotolare per terra finendo contro gli spalti e causando il crollo della tribuna centrale. Dalla foto si notano i tifosi che osservano il rotolamento ignari della catastrofe imminente; a sinistra una reporter che è talmente sotto shock da non riuscire a usare il microfono; a destra uno sceriffo pronto a chiamare i rinforzi e, in alto al centro, Freeman che torna in campo col piglio del “forse-nessuno-mi-ha-visto”.
Buccaneers Falcons MNF 2017
– Ryan ha detto una parolaccia durante le chiamate pre-snap, il problema è che si trova in diretta su ESPN. Topolino è entrato in campo e l’ha gettato nello scomparto dei rifiuti della Morte Nera con l’aiuto di Thor.
– I Buccaneers provano un disperato tentativo finale di raggiungere i Falcons, ma il field goal del pareggio colpisce la bandierina del calcio d’angolo.
– La partita finisce con i Falcons che battono i Buccaneers 24 a 21: bravi i Falcons a rimanere in corsa per i playoff, bravi comunque i Bucs, che di un “bravi” non è che se ne facciano molto, comunque.


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy