Touchdown logo

NCAA: guida per haters alla Finale di College Playoff

E alla fine ci siamo. Nel giorno dell’Epifania (le 2 di notte in Italia) vedremo la conclusione di questa stagione di NCAA football.

minkah fitzpatrick e artavis scott

Non ne possiamo più, francamente, di vedere sempre Alabama alla finale di College Playoff. Sempre e solo loro, e quasi sempre in compagnia di Clemson. Sono le due squadre che hanno praticamente ingolfato gli almanacchi (e anche gli archivi online) negli ultimi 5 anni. Perciò, ci converrebbe fare un passo indietro, mettersi comodi, e rivedere perché la finale di Santa Clara al Levi’s Stadium potrebbe essere un momento spartiacque per l’intero football collegiale.

ALABAMA

Avete dominato, e va bene. Avete il miglio coach alla guida di una squadra NFL travestita da NCAA, che ogni weekend, da inizio settembre in poi, si veste di cremisi, e va in giro per il sud-est degli Stati Uniti, a fare quello che vuole. Avete anche vinto (e in maniera abbastanza rocambolesca) il SEC Championship, e poi l’Orange Bowl. Volete lasciare qualcosa anche agli altri, o questa vostra bulimia pantagruelica non vi ha ancora saziato. In più, Nick Saban ha sclerato forte a Miami, facendo temere un infarto da parte di chi gli stava nella sua sideline.

Per i Crimson Tide, l’intera regular season in SEC conference è stato come un allenamento, come una preparazione a domani notte: 14 vittorie consecutive in stagione, e arrivare alla finale perdendola, viene considerata come uno smacco personale da Mobile a Birmingham. Ma come sono arrivati fin qui? Il percorso lo abbiamo capito, entriamo meglio nei dettagli: Louisville (51-14), Arkansas St (57-7), Ole Miss (62-7), Texas A&M (45-23), University of Louisiana Lafayette (56-14), Arkansas (65-31), Missouri (39-10), Tennessee (58-21), LSU (29-0), Mississippi St. (24-0), Citadel (50-17), Auburn (52-21), SEC Championship contro Georgia (35-28), Orange Bowl contro Oklahoma (45-34).

Troppo forti, troppo dominanti. Esagerati nei punteggi, e nel modo di vincere. Ecco perché Alabama dovrebbe, forse, starsene tranquilla a casa, e per qualche anno, non giocarsi nessun titolo. Lasciate a qualche altra università, la possibilità di alzare al cielo qualche trofeo, insomma.

CLEMSON

Si spera che diventi la criptonite annuale di Alabama: infatti, già una volta vinsero, in una finale in cui Jalen Hurts si spense (proprio come un telefonino), e permise il sorpasso di Clemson. Al volante c’era Deshaun Watson, che prese in mano la situazione, e diede a Clemson l’agognassimo titolo. Poi, lui va a Houston, anno da rookie che parte proprio come era finita la sua carriera universitaria, e va a sbattere contro un infortunio. Questo, si spera, sarà l’anno della redenzione, ma non c’è spazio per parlarne. Cambio di pilota: Trevor Lawrence! Molto biondo, molto alto, capello al vento, tipico ragazzo che nei college fa strage, e fra la stampa americana, già si azzardano i paragoni con Payton Manning, Matthew Stafford e altri (ma si… mettiamoci dentro anche un Blake Bortles e anche un Patrick Mahomes, mica siamo noi a farli). È fuor di dubbio la sua solidità: nel Cotton Bowl di Dallas, contro Notre Dame, è entrato nella difesa dei Fighting Irish come un coltello caldo nella marmellata. Però, domani notte, non incontrerà Duke, o Louisville, o magari altre squadrette. Incontrerà l’Università dell’Alabama.

Anche per Clemson, si tratta di una stagione perfetta, tutte vittorie, che l’hanno portata fino alla finale. Ma c’è un grossissimo problema: l’anno scorso, Alabama e Georgia si erano incontrate a metà strada (per così dire) ad Atlanta, al nuovissimo stadio dei Falcons. Il ritorno dei Bulldogs ad Athens, oltre che essere stato rapido, deve essere stato anche mesto. I Crimson Tide, invece, ci tornano dopo aver vinto una finale ai tempi supplementari.

Ora si vola fino a San Francisco, e Donald Trump permettendo (famosa fu la sua amnesia dell’inno nazionale, che canto un po’ si e un po’ no), sarà una bella sfida di giovano giocatori che vogliono farsi vedere, e farci vedere, un bel po’ di football collegiale.


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.