Touchdown logo

NCAA vs Sars-CoV-2: la “fine” degli sport collegiali?

La situazione del contagio negli USA non accenna a fermarsi, questo obbliga alcune istituzioni universitarie a tagliare i programmi sportivi.

Conference tournament in Greensboro, N.C., Thursday, March 12, 2020. (AP Photo/Ben McKeown)

La Ivy League ha ufficializzato che non si giocheranno gli sport autunnali, pertanto non vedremo le 8 sorelle (Harvard, Princeton, Yale, Cornell, Brown, Columbia, Dartmouth e Penn) giocare a football quest’anno. Piccola nota a margine: se per caso pensavate di iscrivervi ancora a Harvard, l’Università vuole che versiate pur sempre la quota completa, 50’000 $ l’anno, per frequentare i corsi.

Se per l’Ivy League Conference il discorso è praticamente chiuso, e la stagione del football è finita anzitempo (o vedete voi se considerarla “mai iniziata”), si pone lo spinoso problema di tutte le altre università che dal Maine alle Hawaii devono in qualche modo far sopravvivere i programmi sportivi, senza dover rinunciare a chiuderli del tutto, mandando a casa gli allenatori (con alcuni dei contratti più onerosi), lo staff atletico, e peggio ancora, tutti gli studenti che sono li grazie ad una borsa di studio sportiva.

Un’altra vittima sportiva del Covid-19 è Stanford (università privata in California, a Palo Alto), che ha annunciato che taglierà 11 programmi sportivi, nello specifico: scherma maschile e femminile, hockey su prato, canottaggio leggero, canottaggio maschile, vela femminile e il programma misto (che prevedeva equipaggi maschili e femminili), squash, nuoto sincronizzato, pallavolo maschile e lotta libera. A rendere la cosa ancora più triste è che 20 persone facenti parte dello staff dei Cardinals sono state sollevate dai loro incarichi per la riorganizzazione delle strutture.

Per ora il football è salvo, ma la lista dei programmi tagliati, in giro per gli States è lunga. Ci sono università che magari non sono portate affatto per alcuni sport, mentre altre sono persino fucine di medaglie olimpiche, e per quest’anno devono rimandare al 2021 i loro sogni di gloria.

Nel solo 2020, e parliamo dei primi 7 mesi dell’anno in effetti, sono stati tagliati: 15 programmi di tennis, 5 di golf, 5 nel nuoto, 5 nell’atletica leggera, 4 nella scherma, 3 nel baseball (rientrato proprio nel 2020 nel programma olimpico), 3 nello squash, canottaggio e calcio; 2 nella corsa campestre, vela e lotta libera; e 1 per pallavolo, sci, softball, lacrosse, sport equestri e il sopracitato hockey su prato (che afferisce dunque a Stanford).

La situazione in America non è di sicuro in miglioramento, ma proprio per niente. Al netto del fatto che ci sono anche situazioni in cui gente fa code chilometriche in auto per il tampone drive-in, e alcuni si tolgono dalla fila, per essere poi richiamate con la diagnosi di positività senza averlo mai fatto, al 7 luglio 2020 i nuovi positivi sono 50’304, e con un trend in piena crescita (fonte: Center of Disease Control). Siamo quindi in una situazione in cui il Sars-CoV-2 è in piena espansione in tutti i 50 stati dell’unione. Trump minimizza, Fauci prova a tappare buchi con le dita che sono grandi come voragini, e nel frattempo l’epidemia negli Stati Uniti non accenna a fermarsi.

Celebri le parole del Presidente, che nelle prime fasi dell’epidemia, disse che voleva di nuovo rivedere un LSU contro Alabama e uno stadio di 120mila persone che tifano come forsennati: tutto questo potrebbe essere un autentico ricordo, per lui e anche per le università coinvolte: LSU ha messo in quarantena 30 giocatori positivi dell’area football, e poi Clemson ha annunciato il caso di 23 atleti positivi, finanche a Kansas State che ha 13 atleti positivi, fino ai 5 positivi di Alabama.

La curva del contagio pertanto, dopo un periodo in cui sembrava potesse “appiattirsi” è tornata pericolosamente a livelli critici: la curva è diventata una chicane, come quella della Formula 1, che punta sempre più in alto, e di una cosa siamo sicuri: gli assembramenti non aiutano. È un caso, secondo voi, che i casi a Tulsa, Oklahoma, siano aumentati proprio dopo il comizio flop di Donald Trump?

Tutto ciò che riguarda gli affari sportivi sono anche un giro d’affari miliardario, tra gli affari veri e propri della NCAA, oltre che l’indotto del settore turistico-alberghiero che da fine agosto a inizio febbraio fa affari “d’oro”: verrebbe quasi da pensare che un pilota di una linea aerea che collega Atlanta a New Orleans abbia lo stesso identico valore dell’arbitro che potrebbe prendere lo stesso aereo che lo porterà a dirigere la contesa in Louisiana.

Insomma, se l’Italia ha un enorme problema di come ripartire, in sicurezza e con decisione, dopo i mesi difficili in cui sembrava di essere sull’orlo dell’Apocalisse, gli Stati Uniti navigano ancora a vista, con nuove chiusure, possibili nuovi lockdown, e un futuro incerto per tanti studenti-atleti.


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.