Touchdown logo

Fantasy Week Review: TD league 1

Un’altra settimana di Fantasy si è conclusa e nessuno sembra voler tentare l’affondo decisivo in TD league 1. Vediamo assieme i risultati di questa equilibratissima lega.

il draft fantasy: cosa fare per farlo bene

In questa rubrica che seguirà la legue 1 di Touchdown magazine, analizzeremo di settimana in settimana tutte le partite e i risultati più sorprendenti della giornata, commentandoli brevemente e aggiornandovi sulla classifica.

Le partite

Legnano Frogs (1-4) 81.40 – Vikings on Broncos (3-2) 85.50

Partita con tante delusioni che forse mette la parola fine alla stagione dei Frogs, condannandoli ad una deprimente lotta salvezza. La paura per il rinvio di Titans-Bills fa preferire McKinnon a Henry, il che a posteriori risulta un errore gravissimo. Delude anche il resto della formazione dei Frogs, con il reparto WR dato per disperso a causa dei 4.70 punti combinati di Cooper e McLaurin, che non riescono a compensare l’assenza di Henry. Questa volta non regge nemmeno la scusante dei tanti punti subiti, perchè i VoB vincono più per demeriti degli avversari che per meriti propri. Salvano la squadra Brees, Sanders e i Rams, ma tra gli altri troviamo solo punteggi in cifra singola con addirittura un negativo da parte del WR Diontae Johnson. La squadra era in grossa difficoltà a causa di infortuni e bye week, e la notizia del rilascio di Bell non migliora sicuramente l’ambiente, dando la prospettiva di settimane difficili da affrontare.

Denmark 92ers (2-3) 83.38 – Rhinos (4-1) 133.16

Prima vittoria convincente da parte dei Rhinos, che grazie a varie congiunzioni astrali riescono a mettere assieme un punteggio stellare nonostante giocassero con un uomo in meno (Jeudy non è stato sostituito). I Ravens trovano carne da macello e mettono a segno 26 punti contro i Bengals, Watson inizia a far riemergere le sue qualità, e l’infortunio di Cook fa sbocciare Mattison, che mette a tabellino 13.60 punti. C’è da dire che l’avversario era già in stato comatoso, ritrovatosi a causa di bye week, partite rimandate e infortuni a giocare senza corpo WR e con una squadra più che adattata, e a sottolinearlo è il fatto che 60 punti su 83 sono stati fatti da Wilson, Gurley e Cook. Per Fabio la fortuna continua, ma questa volta la sua squadra dimostra finalmente qualità e che forse quel primo posto se lo merita, mentre per Federico arriva la terza sconfitta consecutiva e da qui bisognerà rialzarsi e iniziare a recuperare terreno.

UFOTEAM (3-2) 84.92 – Marines Ostia (2-3) 77.08

Nonostante li critichi ogni settimana, nonostante li abbia già condannati alla retrocessione da tempo, UFOTEAM vince ancora e si porta sul 3-2, al numero 3 del ranking e in testa alla propria division. Il ritorno di Mostert è una boccada d’aria fresca per un backfield che è stato per lungo tempo in crisi nera, e il colpo Bridgewater sembra voler dare i suoi frutti. Ancora tante incognite però, rappresentate dal TE e dalla panchina corta, e adesso che si entra nel periodo di bye, potrebbe essere un gran problema. Marines che invece non fanno malissimo come il punteggio potrebbe raccontare, perchè tutti i giocatori sono andati in doppia cifra o in prossimità di essa, senza esagerare, dato che sopra i 12 punti non si va, ma la squadra è stata affondata dalla disastrosa prestazione di Jimmy G, capace far perdere alla squadra ben 0.92 punti e condannandola alla sconfitta. Se poi si pensa che Tannehill in panchina (probabilmente lasciato per paura di un rinvio) ha messo a segno 30 punti tondi, fa ancora più male.

Vandali (2-3) 106.60 – Palermo Vampiri (3-2) 90.84

Dopo 3 settimane di sconfitte immeritate, i Vandali mettono a segno un altro punteggione e portano a casa una vittoria importantissima contro gli ostici Vampiri. Qualche delusione nel roster, ma ai Vandali bastano 4 giocatori per chiudere i conti: Mahomes (29.70 punti), Hunt (15.30 punti), Jacobs (20.50 punti) e Metcalf (21.30 punti). La squadra dimostra di girare molto bene, e si candida ad essere l’unica avversaria degli Spara Canguri in division 3, anche se 2 partite da recuperare non sono poche. Per i Vampiri è stata una giornata ostica, con i più inaspettati a cercare inutilmente di salvare la partita: Taylor, Zurelin e gli Steelers mettono a segno 34 punti in 3, ma la pessima prestazione dei ricevitori e le mediocri partite di RB e di Wentz non lasciano scampo alla squadra di Paolo, che data l’attuale accoppiata Wentz e Jones, dovrà rivedere la sua situazione QB.

CP EAGLES (2-3) 96.54 – Wanderers (2-3) 84.60

Anche i CP tornano alla vittoria, senza esaltare particolarmente ma facendo solo lo stretto necessario. Elliot mette a tabellino 22.50 punti, e a lui si aggiungono i 15.30 punti di Moore, i 12.90 si Slayton e i 16 di Jonnu Smith, TE sorpresa di questa annata. I Wanderers ritornano sulla terra dopo la grande prestazione di settimana scorsa, e la causa è sempre la stessa: senza Jackson la squadra non gira, e i 13.50 punti di questa settimana lo dimostrano un’altra volta. Continua a stupire il colpo di FA Mike Davis, che fa segnare 20.90 punti, ma il resto della squadra fa poche cose speciali e il punteggio ne risente. I CP però non possono gioire particolarmente, perchè il loro giocatore di punta, Dak Prescott, ha subito un infortunio orribile, che con ogni probabilità, lo terrà fuori per il resto della stagione. Dispiace veramente tanto vedere scene del genere, ma otra bisogna rialzarsi e cercare un valido sostituto tra i pochi QB rimasti in Free Agency.

SparaCanguri (4-1) 108.52 – Ceolains (2-3) 57.62

Dopo la battuta d’arresto della scorsa settimana, tornano alla carica gli SparaCanguri, e ripristinano il dominio nella divison 3, massacrando i Ceolains che sono sembrati in stato agonizzante. Per la squadra di Vick, Allen delude rispetto al solito, ma viene abbondantemente compensato dai suoi compagni di squadra, con Henderson, Hill e Hopkins tutti sopra i 15 punti. Vanno in doppia cifra anche Anderson, David Johnson e Lutz, che con 14 punti chiude la formalità nel Monday night. I Ceolaints subiscono enormemente il bye di Rodgers, sia perchè malamente sostituito da una pessima prestazione del giovane Burrow, sia perchè non compensata dalle prestazioni del resto della squadra, con solo Carson in doppia cifra, e ben 3 giocatori sotto i 5 punti, tra cui sottolineamo i soli 1.60 punti di Chark.

La classifica

Dopo 5 giornate la classifica resta molto equilibrata, con sole 2 squadre sul 4-1, e solo una sul 1-4. In division 1 i Rhinos provano la fuga, ma i Vampiri sono solo a una partita di distanza e non sembrano mollare il colpo.

La division 2 è la più aperta, con tutte le squadre a distanza di una partita, e i due team sul 3-2 che non hanno dimostrato ancora a sufficienza.

La division 3  sembra l’unica già chiusa, con gli SparaCanguri che continuano la loro fuga e gli altri che hanno subito le tante sconfitte e possono ormai ambire a solo un posto in wild card, altra sfida che sembra più che aperta.

Division 1 Squadre Record Streak Punti Fatti Punti Subiti
1(2)+1 Rhinos 4-1 W3 484.54 405.30
2(4)-3 Palermo Vampiri 3-2 L1 500.04 471.02
3(6)-2 Marines Ostia 2-3 L1 521.58 474.38
4(10)-1 Wanderers 2-3 L1 435.26 499.20
Division 2
1(3)+2 UFOTEAM 3-2 W1 396.28 414.26
2(5)+2 Vikings on Broncos 3-2 W3 490.00 481.16
3(8)-2 Denmark 92ers 2-3 L3 505.26 556.28
4(11)-3 Ceolaints 2-3 L1 450.08 490.04
Division 3
1(1)+1 SparaCanguri 4-1 W1 525.20 416.34
2(7)+3 Vandali 2-3 W1 551.24 551.48
3(9)+3 CP EAGLES 2-3 W1 493.14 533.06
4(12)-1 Legnano Frogs 1-4 L3 486.26 547.16

 

Please follow and like us:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.