Touchdown logo

Tua Time: Tagovailoa sarà il QB1 per Miami in week 8

Breaking News: Dalla week 8, in occasione della prossima partita dei Miami Dolphins, il QB titolare sarà l’attesa matricola Tua Tagovailoa


La notizia è di quelle che ti aspetti, il tempismo lo è un pò meno.

Lo scoop è di Adam Schefter e il vespaio che ha creato negli ambienti vicini ai Miami Dolphins è sorprendente, per quanto non inaspettato data l’attesa irreale che la selezione del QB hawaiano ha creato nella Florida del Sud e non solo. Tra due settimane, dopo il turno di riposo di domenica prossima, quando i Dolphins se la vedranno, in casa, contro i Los Angeles Rams, non ci sarà la barba di Ryan Fitzpatrick a guidarli, bensì il viso giovane e pulito di Tua Tagovailoa.

Un nuovo inizio

Attendiamo questo momento dal 23 aprile ma quello che non è molto chiaro è il perché proprio ora. Certo, ci sono degli elementi favorevoli al battesimo di Tagovailoa. Il ragazzo ha già rotto il ghiaccio domenica scorsa, nella non partita con New York e dunque non deve bagnarsi i piedi per la prima volta. Ci sono 10 giorni prima della prossima partita e dunque tutto il tempo di arrivare all’appuntamento con il destino preparati e con addosso l’abito e il profumo giusti. Ciononostante, Ryan Fitzpatrick stava facendo bene tutto sommato; non parlo tanto della partita contro i Jets, quella fa poco testo, se però pensiamo alla sua efficacia con i 49ers, davvero non si capisce il perché di questa decisione. Evidentemente, Brian Flores e il suo coordinatore offensivo, Chan Gailey, sono come i genitori di una volta: ti insegnano a nuotare gettandoti in acqua.

La mia fiducia in Flores e nel processo ricostruttivo di Miami è molto alta, dunque se il capo allenatore ha deciso che la strada deve essere questa, appoggio fino in fondo la sua decisione. Devo dire, però, che sono dubbioso.

Tra dubbi e speranze

Innanzitutto, perché dare in pasto ai lupi Tua ora che la squadra sta mostrando una crescita costante di settimana in settimana? Perché non continuare con Fitz e vederlo all’opera anche contro una grande difesa com’è quella dei Rams? Lo scoglio che si parerà dinnanzi al rookie, il primo novembre, non è di poco conto. Parliamo di Jalen Ramsey, Leonard Floyd, Michael Brockers e naturalmente di Aaron Donald, il miglior difensore della NFL. È davvero il caso di schierare Tua contro questi mastini? Dubito fortemente che Donald e i suoi si faranno intenerire dal fatto che Tagovailoa sia al debutto da starter. Anzi, sono abbastanza sicuro che non vedano l’ora di dargli il loro benvenuto nella NFL.

La verità è che con Tua si rischia seriamente di mettere a repentaglio quanto di buono è stato costruito finora. Miami è 3 – 3, seconda in una division che vinceranno – con ogni probabilità – i Buffalo Bills ma che dietro di loro resta apertissima. Un record di .500 merita di essere messo in mano a un QB con 2 minuti di esperienza in NFL? Quale può essere la ratio di questa decisione? Qualcuno ha messo pressione allo staff tecnico? Ci sono interessi di altro tipo dietro questa decisione? – è lecito supporre che le magliette di Tua vendano meglio di quelle di Fitzpatrick. Non saprei e francamente mi auguro di no, voglio pensare che l’unico motivo sia quello che Flores e i suoi collaboratori si sono convinti che Tagovailoa abbia superato Fitz nelle gerarchie di squadra e rappresenti ora la migliore soluzione per l’attacco dei Dolphins.

Avevo supposto che la matricola avrebbe debuttato intorno ad Halloween, e probabilmente lo avevo anche accennato nella preview della partita di Santa Clara. Dopo le ultime due prove di Fitzpatrick, però, non credevo più che i tempi sarebbero stati questi.

Ad ogni modo, elucubrare sui se e sui ma ha poco senso. La notizia è una e soltanto una: a Miami è scoccata l’ora T: Tagovailoa sarà il nostro timoniere da qui in avanti, o almeno ce lo auguriamo, sperando che non incappi in brutti infortuni o si dimostri tremendamente inferiore alle attese. Siamo tutti con Tua. Forza Dolphins.

 

Please follow and like us:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.