Touchdown logo

I Patriots vincono anche senza Randy Moss

Dopo il bye week la grande domanda che aleggia a Foxboro è: “Riuscirà Tom Brady a metter su un gioco offensivo senza il grande Randy Moss???” Dopo la vittoria in OT contro Baltimore 23-20 la domanda è diventata: “Randy Who?” Per chi ancora avesse qualche dubbio, Stregone Bellichick ci ha preso ancora. BB non fa […]


Deion Branch (#84) festeggia il touchdown della vittoria per New England (AP Photo/Stephan Savoia)

Dopo il bye week la grande domanda che aleggia a Foxboro è: “Riuscirà Tom Brady a metter su un gioco offensivo senza il grande Randy Moss???” Dopo la vittoria in OT contro Baltimore 23-20 la domanda è diventata: “Randy Who?”

Per chi ancora avesse qualche dubbio, Stregone Bellichick ci ha preso ancora. BB non fa una piega e “svende” in cambio di una terza scelta al prossimo draft (anche se in realtà era stato tradato per una quarta) un giocatore da 14470 yd e 152 td (23 nel suo primo anno a Boston, record NFL) per un giocatore dal grande passato da Patriota ma che ormai sembrava sul viale del tramonto: Deion Branch. L’HC dei Patriots sa bene che non bastano le statistiche a vincere i Superbowl, ma ci vuole metalità, professionalità e un gran senso di abnegazione, tutte cose che deficitano a “Mister fenomeno in maglia 81” e invece abbondano nel “figliol prodigo” Branch; basta guardare il blocco che ha spianato la strada alla reverse di Brandon Tate, che ha poi portato al TD di Green-Ellis (terza partita consecutiva a segno)…  Greetings from Boston, Randy!

La partita inizia con Flacco ispiratissimo, alla fine per lui 27/35 285 yd 2 TD 0 Int, che affetta con precisione chirurgica la rivedibile secondaria dei Pats, colpendo a ripetizione tutta la batteria di WR (Boldin, Mason, Houshmandzadeh). Tutt’altra musica sulle corse: ricordando le 83 yd macinate da Rice nella prima azione del Wild Card Game dello scorso anno, Mayo (Mostruosa la sua partita: 11-7 e tantissima qualità) & Co. cancellano il running game avversario limitando i danni ad un FG di Cundiff dalle 26.

Le difese continuano a dominare fino alla reverse di Tate (22 yd) fermata sull 2yd difensive dei Ravens poi tramutata da Green-Ellis nei primi 7 punti di New England.

Approposito dello Stregone: con Wes Welker (7 x 53 yd) sorvegliato speciale, i due terribili rookie TE Hernandez (4 x 61 più una reverse da 18 yd) e Gronkowski (1×24 e tanti blocchi eccellenti) si dimostrano, per ora, un’altra scommessa vinta!

Todd Heap, ben imbeccato da Flacco, riporta in vantaggio i Ravens (10-7). Poi ancora difese in gran spolvero: Suggs (terza partita consecutiva con almeno un sack contro Brady) e Ngata (prima partita con più di un sack (2) in carriera) da un lato, l’onnipresente Mayo e il rookie Cunningham (4-2, 1 sack e 1 FF) dall’altro congelano il punteggio fino all’halftime.

Il terzo quarto inizia molto male per i Patriots: decide di entrare a statistica anche Ray Lewis (7-2 alla fine per il grandissimo Capitano dei Ravens) e l’asfissiante pressione che ne risulta spinge Brady a farsi intercettare da Carr. 4 giochi dopo Boldin riceve in endzone e fissa il punteggio sul 17-7. Per New England buio pesto.

Un FG per parte porta le squadre all’ultimo quarto sul 20-10.

Nell’ultimo quarto le cose cambiano e vien fuori l’ennesima magata di BB: Woodhead (63 yd corse e 52 ricevute) si trasforma in un piccolo Faulk, iniziando a seminare lo scompiglio nella difesa dei Ravens e Brady decide che è ora di festeggiare il ritorno di Branch nel modo migliore: Touchdown. Pats a -3.

La secondaria dei Patriots decide di uniformarsi agli alti standard difensivi odierni e non concede più nulla (Chung cresce di partita in partita), cosi Gostkowski pareggia i conti a 1.56 dalla fine.

Si va in Overtime. Vince il sorteggio Baltimore, gelo sulle tribune.

Le prime 3 serie di Baltimore finiscono con un punt, come le prime due di New England. A 5.09 dalla fine dell’overtime Brady inizia l’ennesimo drive dalle proprie 38.

Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare: 23 yd su Branch, 4 su Welker, 4 su Crumpler, 10 su Branch, 4 yd corse da Green-Ellis e Gostkowski firma, con un field goal dalle 35 una vittoria insperata che da morale. Baltimore recrimina su una partita che sembrava già vinta. I Patriots dimostrano come si possa essere 4-1 con una squadra in ricostruzione e una lista infortunati degna di un ProBowl.

Prendi nota Randy… ci vediamo la sera di Halloween.

“Gimli”

Foto:  AP Photo/Stephan Savoia


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.