Touchdown logo

NFL week 9, ovvero la giornata dei kicker

A Detroit i Jets approfittano nei tempi regolamentari di un grave errore tattico della panchina dei Lions (un passaggio chiamato dopo il two minute warning che cade incompleto fermando il tempo), pareggiano con un FG grazie anche ad un fallo inutile di Peterson che regala quelle 15 yarde utili a calciare con meno affanno, e […]


Nick Folk (AP Photo/Carlos Osorio)

A Detroit i Jets approfittano nei tempi regolamentari di un grave errore tattico della panchina dei Lions (un passaggio chiamato dopo il two minute warning che cade incompleto fermando il tempo), pareggiano con un FG grazie anche ad un fallo inutile di Peterson che regala quelle 15 yarde utili a calciare con meno affanno, e vanno a vincere nell’overtime sfruttando il sorteggio e uno splendido passaggio da 52 yarde Sanchez-Holmes. Folk non sbaglia e Detroit si ricorderà di questa sconfitta per molto tempo.

A Oakland storia simile, con i Raiders che pareggiano con un FG dalle 41 di Janikowski nei tempi regolamentari, e vincono nei supplementari sempre su FG dalle 33 dopo che i Chiefs non riescono a portare a casa nulla dal drive iniziale innescato dal sorteggio a loro favorevole.

Nelle Twin cities i Vikings riescono a vincere in rimonta grazie alle tante yarde lanciate da Favre (446), e nonostante i due intercetti ed il fumble di Harvin. A 6 minuti e 18 secondi dalla fine Arizona vinceva di 14 punti con palla in mano dopo aver fermato i Vikings su un quarto e goal dalla linea di una yarda. Da lì alla fine della partita (overtime compreso) i Cardinals inanellano 2 yarde totali di corsa, 6 su passaggio, 4 incompleti, -6 di falli e ben quattro sack subiti.

Totale, Favre e soci ringraziano e accorciano con Peterson, pareggiano con Shiancoe e vincono con Longwell.

Eppure a Natale manca più di un mese…

Siccome sono buono, poi, evito di commentare Dallas più di quanto possa fare il semplice risultato: 45 a 7 per Green Bay. Velo pietoso e via…

Stessa storia per Seattle, travolta dai Giants 41-7 con 162 yarde di total offense contro le 487 della squadra della grande mela.

Belle vittorie per Philadelphia (con un Vick in gran spolvero: 17 su 29 per 218 yarde ed un TD e 74 yarde di corsa totali con un TD) contro Indianapolis, per Baltimore su Miami che non usa più la wildcat (quasi clamorosa come notizia questa) e per Atlanta e Chicago rispettivamente contro Tampa Bay e Buffalo, sempre più malinconicamente ultima senza vittorie.

Grande sorpresa a Cleveland con i Browns capaci di correre per 230 yarde contro la difesa dei Patriots e di contenere l’attacco di Brady e soci concedendo poco su corsa e tanti passaggi ma quasi tutti sul corto. Cigliegina sulla torta il fumble causato ad inizio partita sul kickoff return di Morris che ha,  probabilmente, cambiato il volto della sfida.

Un accenno alla vittoria di New Orleans ed ai 4 TD pass per Rivers nella vittoria di San Diego e l’attesa per Cincinnati-Pittsburgh di questa sera.

Tutto il resto è nebbia, o acqua se siete dalle parti di Vicenza o Padova…

Betto

Photo Credit:
Nick Folk (AP Photo/Carlos Osorio)
Sebastian Janikowski (AP Photo/Ben Margot)
Ryan Longwell (AP Photo/Andy Blenkush)


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.