Touchdown logo

La battaglia di Toledo, ovvero Michigan vs Ohio State in NCAA

La rivalità sportiva tra i Michigan Wolverines e gli Ohio State Buckeyes è una delle più accese della NCAA, ed ha origini culturali molto lontane.

Michigan Wolverines vs Ohio State Buckeyes rissa in campo

Spesso la rivalità (o l’eccesso di rivalità) tra due squadre non viene ben vista, anzi è considerato un “difetto” tutto italiano, esempi nel calcio ce ne sono tantissimi, ma anche nel basket (Virtus vs Fortitudo tra i più noti), nell’hockey ghiaccio, e persino nel correttissimo rugby, o nella pallavolo… poteva mancare nel football americano tricolore? Certo che no, ma tranquillizzatevi, non è una questione di “cultura sportiva” o di “essere italiani“, non siamo gli unici, e non è un difetto.

Negli Stati Uniti, paese noto per la “cultura sportiva”, le rivalità possono essere anche molto più “intense” di quelle italiche, e non solo a livello professionistico, anzi, ci sono eventi sportivi in NCAA che non trovano paragoni nella NFL, e uno dei più entusiasmanti (e cruenti) è l’annuale incontro della Big Ten Conference tra i Michigan Wolverines e gli Ohio State Buckeyes, definita dalla ESPN (nel 2000) la più grande rivalità sportiva del nord America.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Rivalità culturale, prima che sportiva

Michigan vs Ohio State va oltre lo sport, è una rivalità atavica che affonda le radici addirittura tra la fine del 1700 e la prima metà del 1800, quando la tensione tra i due stati nord americani sfociò nella “battaglia di Toledo” (1835-1836), tra l’Ohio, che era già uno stato federato degli Stati Uniti d’America, e il Michigan, che aveva richiesto l’annessione all’unione nel 1835. Una “piccola guerra” per una striscia di territorio (la striscia di Toledo appunto) che alla fine venne ceduta dal Michigan ai rivali, su pressione del Presidente americano Andrew Jackson, consentendo però l’ingresso dello stato del ghiottone, negli USA, oltre ad altri benefit in contropartita. Una storia politica che ha da sempre condizionato un po’ i rapporti tra i michiganians e gli ohioan (si, si chiamano veramente così), diventando nel 1897 una rivalità sportiva tra le squadre di football delle due università più importanti dei rispettivi stati, Michigan University da un lato e Ohio State University dall’altro.

Questa rivalità tra università è totale, non solo nel football ma anche negli altri sport (eh si… anche nel Lacrosse), ma nel football assume i toni più spettacolari. Non c’è partita tra Wolverines e Buckeyes che non regali emozioni, giocate spettacolari o schermaglie tra i giocatori (a volte anche durante il riscaldamento, l’ingresso in campo, o addirittura nel tunnel degli spogliatoi). Una rivalità tra due squadre che hanno fatto la storia sia della Big Ten Conference che del football NCAA di prima fascia, che spesso ha visto trionfare proprio la squadra che, tra le due, ha vinto questa specie di “derby”.

La partita del secolo

Michigan e Ohio State si sono incontrate ben 113 volte in regular season, e il bilancio è favorevole (anche se non di molto) ai Wolverines che contano 58 vittorie contro 48 (6 pareggi). Nel 2006 “The Game” (così chiamato dai tifosi) venne nominato dalla NCAA “Game of the Century“, poichè le due squadre erano entrambe imbattute (11-0) ed erano anche le prime due nel ranking NCAA (Ohio #1, Michigan #2), insomma, era in pratica una finale per il titolo nazionale, anche se nella realtà era “solo” una partita di regular season. In quell’occasione vinsero i Buckeyes per 42-39 al termine di un match spettacolare, al quale non mancarono di certo i colpi di scena.

Ancora oggi il match tra queste due università è uno degli eventi nazionali più seguiti, del resto si parla di due team che hanno conquistato bel 19 titoli nazionali (11 per Michigan e 8 per Ohio State), quindi a livello tecnico stiamo parlando di squadre di livello altissimo, e già questo garantirebbe interesse, se poi la partita è giocata con un’intensità tale che si vede solo nelle finali più importanti, si può capire come “The Game” catalizzi l’interesse non solo dei tifosi di entrambi i team, che affollano i due stadi (tra i più grandi negli USA) occupando ogni posto degli oltre 100.000 disponibili, ma anche dei tifosi di football in generale, potendo seguire l’evento in diretta TV.

Rivalità, risse in campo, provocazioni e correttezza sugli spalti

Assistere ad una partita tra Wolverines e Buckeyes vuol dire assistere quasi sempre anche ad una o più risse in campo, a onor del vero niente più che spintarelle e piccole provocazioni, alle quali però a volte partecipano anche 30-40 giocatori… mica facile il lavoro degli arbitri. A volte i giocatori si stuzzicano anche durante il riscaldamento prepartita, oppure fanno goliardate per provocare l’avversario. In alcuni momenti sembra di vedere Don Camillo e Peppone, odio e amore. Come nella realtà, i più acerrimi nemici a volte sono, sotto sotto, i migliori nemici che si possano desiderare, e lo specchio di questa rivalità è la correttezza (questa si è cultura sportiva) che si vede sugli spalti, nei quali non è impossibile trovare un settore delle gradinate completamente a disposizione degli avversari, che possono fare il tifo circondati da quasi 100.000 tifosi avversari.

Michigan Wolverines vs Ohio State Buckeyes tifosi

Wolverines vs Buckeyes: i record e dati storici

  • Prima partita disputata:
    16 ottobre 1897 – Michigan 34, Ohio State 0
  • Ultima partita disputata:
    26 novembre 2016 – Ohio State 30, Michigan 27 (al 2° overtime)
  • Partita con lo scarto maggiore:
    Michigan 82, Ohio State 0 (1902)
  • Serie di vittorie consecutive più lunga:
    Michigan, 9 (1901 – 1909)
  • Serie di vittorie consecutive più recente:
    Ohio State, 5 (2012 – ad oggi)


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy