Touchdown logo

La difesa di San Francisco sculaccia i Rams: 20-7

I Niners abbattono la (ex) corazzata Rams e rimangono, insieme ai Patriots, gli unici imbattuti dopo 6 giornate di campionato.

NFL 2019 Rams vs 49ers

San Francisco si è presentata a Los Angeles in quella che sembrava la partita più dura della stagione finora: una partita, in trasferta, contro i campioni della NFC, con solo 5 giorni di preparazione. In molti pronosticavano una sconfitta.

Invece i Niners sono riusciti a vincere la partita 20 a 7, portando il loro record a 5-0 in questa partita cruciale per determinare i destini della NFC West. Al momento San Francisco è in testa alla divisione grazie a questa vittoria, visto che i Seahawks seguono da vicino dopo aver vinto in trasferta contro i Browns. Los Angeles è terza con un record di 3-3.

La partita non è cominciata benissimo per San Francisco, la cui offesa è uscita dal campo con un 3 and out e, nella serie successiva ha visto i Rams segnare un touch down. La squadra di Los Angeles sembrava essere capace di effettuare un gioco di corsa efficace, anche senza l’All-Pro Todd Gurley, correndo per 109 iarde con 5 iarde per corsa in media. La maggioranza di queste corse sono avvenute nel primo tempo in cui i Niners non hanno giocato benissimo, compiendo molti errori, soprattutto in fase offensiva.

L’attacco di San Francisco,  che non schierava tre titolari importanti, i due tackles and il fullback, non ha mai dominato e si è limitata a gestire la partita. Malgrado tutto, la squadra rosso ed oro è riuscita ad impedire a Los Angeles di segnare ancora ed è riuscita a segnare alla fine del primo quarto per pareggiare la partita.

Il punteggio non è campiato fino alla fine del primo tempo, entrambe le squadre non sono riuscite a segnare. Prima i Niners hanno perso un occasione con un intercetto lanciato da Jimmy Garoppolo nella end zone, poi i Rams non sono riusciti a portare la palla in meta  grazie ad una resistenza ad oltranza sulla linea di meta della difesa di San Francisco.

Nel secondo tempo, il tono ed il momento della partita sono cambiati. La difesa ha immediatamente fatto sentire il suo peso, causando e poi recuperando un fumble durante un passaggio breve al running back dei Rams Darrell Henderson, passaggio che il defensive end Arik Armstead, che probabilmente ha giocato la migliore partita della sua carriera, ha recuperato. I Niners hanno approfittato dell’occasione ed Jimmy Garoppolo ha segnato con una QB sneak da meno di una iarda portando i Niners in vantaggio 14 a 7.

Garoppolo ha finito la partita 24-33 per 243 iarde con 0 touchdowns ed un’intercettazione per un rating di 80.7. Non una prestazione memorabile, ma una partita da game manager attento a limitare gli errori.

Il secondo tempo ha visto la difesa dei Niners dominare in maniera trionfale frustrando in ogni maniera il QB dei Rams Jared Goff, le cui statistiche alla fine della partita sono state le peggiori della carriera. 13 passaggi completati su 24, solo 78 iarde di passaggi con 0 touchdowns ed intercettazioni, per un rating di 60.8. Goff è stato saccato per 4 volte durante la partita.

Per dare un’ulteriore idea della dominanza difensiva di San Francisco, nel terzo quarto la squadra di Los Angeles ha guadagnato negative 19 yarde ed hanno finito 0-9 sui tentativi di chiudere il terzo down, mentre Nessuno tentativo al quarto down è stato completato con successo.

L’attacco dei 49ers non è stato stellare, e ha commesso molti errori, comunque è da notare come, quando è servito, è riuscito a muovere la palla bene ed a consumare tempo. I Niners hanno preferito una strategia di piccoli passaggi veloci ed sono riusciti a correre per 101 iarde complessivamente, con il running back Coleman che ne ha corso 45 ed ha segnato un touch down.

Menzione d’onore va a Dante Pettis, che è riuscito a ricevere la palla bene in situazioni importanti e la grande prestazione di George Kittle, che ha bloccato bene e ricevuto la palla 8 volte per 103 iarde complessive.

Verso la fine del terzo quarto Coleman ha lasciato cadere, sulla linea di meta, una palla che, se ricevuta, avrebbe portato ad un touch down sicuro. Invece di 21 a 7 quindi San Francisco si è dovuta accontentare di un calcio piazzato per chiudere il quarto 17 a 7.

Il quarto finale è cominciato con un lungo drive di san Francisco che è durato 6 minuti e 38 secondi ed ha portato i Niners a 20 a 7.

Verso la fine della partita, di fronte ad un pubblico che era prevalentemente di fan di San Francisco, Aaron Donald ha tolto la palla a Garoppolo, il linebacker dei Rams Corey Littleton ha raccolto il fumble e  ha passato l’ovale al cornerback Robey Coleman che lo ha portato in territorio rosso ed oro. Malgrado tutto, comunque, la difesa dei Niners ha fermato l’attacco dei Rams un’ennesima volta mettendo Goff sotto tale pressione da fargli sbagliare due passaggi consecutivi sul terzo e quarto down. L’attacco dei Niners, una volta ricevuta la palla, si è limitato a gestire il cronometro fino alla fine della partita con una serie di corse.

A questo punto non ci sono dubbi. Oggi come oggi San Francisco è la squadra da battere nella NCF West. Poche squadre sono in grado di andare al Coliseum e dominare per tre quarti della partita nella stessa maniera dei rossi ed oro. Questa è stata una grande vittoria per l’allenatore Kyle Shanahan ed ancora di più per il coordinatore della difesa Robert Saleh.

La difesa dei Niners ha confermato di essere speciale, i Rams hanno segnato sette punti o meno solo per 3 volte nell’era McVay, e mai a casa. Questa è stata una delle prestazioni difensive più dominanti contro i Rams che si siano mai viste: Los Angeles ha guadagnato solo 156 iarde in totale, solo 56 iarde in passaggi, solo 10 primi downs e ha convertito 0 terzi down.

Se l’attacco dei Niners ricomincia a girare, la squadra di San Francisco, che andrà a Washington per giocare contro i Redskins domenica prossima, sarà la squadra da battere. Tutto da rifare invece per i Rams che hanno perso 3 partite di fila, due contro diretti rivali nella NFC West


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.