Touchdown logo

I Seamen Milano battono i Panthers Parma 20 a 17…o forse no?

I Panthers Parma si aggiudicano il derby d’Italia nei secondi finali, dopo un’emozionante partita rovinata da uno streaming inefficiente.


Buffering

Dopo un anno di attesa, anche il campionato italiano di football americano riparte. La prima partita vede i campioni in carica Seamen Milano contro gli storici rivali Panthers Parma, e le alte aspettative non sono state deluse…perlomeno da quanto accaduto in campo, poiché il servizio di streaming ha ampiamente deluso gli spettatori. Il popolo del web non ha certo risparmiato commenti decisamente negativi, frutto di una regia non in grado di cogliere i momenti salienti delle azioni, dai kickoff fino addirittura ai touchdown, senza dimenticare l’assenza di una grafica riassuntiva di punteggio, tempo di gioco e down & distance oltre alla chat in tempo reale disattivata. Non solo, la parte peggiore è rappresentata dal blocco dello streaming a 4 minuti e 10 secondi dalla fine: si tratta del perfetto riassunto di un servizio decisamente non all’altezza della partita giocata da Seamen e Panthers, due squadre che hanno dato spettacolo fino all’ultimo secondo.

Screenshot della diretta streaming della sfida, interrotasi a 4 minuti e 10 secondi dalla fine

Ovviamente questi inconvenienti possono capitare a chiunque, persino tra i grandi provider internazionali di trasmissioni sportive. Ad ogni modo, citando il commento di un appassionato di football italiano, “la delusione maggiore è stata la diretta su Seamen Channel, niente punteggio in sovraimpressione, ne tantomeno il tempo di gioco, niente statistiche, niente replay, il nulla assoluto. È così che si dovrebbe divulgare il football in Italia e coinvolgere i neofiti? Mah… Salvo solo il campo, spettacolare.” Speriamo che per le prossime partite ci sia un netto miglioramento, anche perché, complice l’andamento della pandemia, sarà difficile poter tornare ad ammirare le gesta degli atleti delle squadre italiane dal vivo.

Andiamo ora a “vedere” cosa è successo nella sfida del Vigorelli di ieri sera, grazie agli highligts forniti dal sito SportParma (https://www.sportparma.com)

2021 season: off we go!

I primi punti della stagione 2021 vengono segnati dai padroni di casa: su possesso dei Panthers, il defensive lineman Claudio Nicola intercetta un passaggio di Reilley Hennessey e mette a segno una pick-six che porta in vantaggio i Seamen Milano. Un inizio scoppiettante per i marinai, i quali provano subito ad allungare ma la difesa parmigiana resiste risponde presente con un intercetto del numero 22 Proulx. Questo rallentamento non ferma Luke Zahradka, quarterback dei Seamen, che dimostra una buona intesa con i suoi ricevitori e in particolare con Stefano Di Tunisi: dopo una ricezione da 4 yard ne percorre altre 22, provocando poi una penalità per condotta antisportiva. I Seamen tornano dunque a bussare alla porta dei Panthers ma Zahradka lancia il secondo intercetto consecutivo, raccolto nella endzone da Simone Alinovi.

Spinti dalla difesa gli ospiti prendono fiducia e ci pensa il nuovo acquisto Nick Diaco, il quale subentra ad Hennessey e con una quarterback ISO porta a casa i primi punti stagionali dei Panthers. Il secondo quarto si preannuncia intenso e, difatti, i Seamen non si lasciano intimorire e rispondono a tono con Jordan Bouha. Il ricevitore dei marinai prima ritorna il kickoff fino a raggiungere il territorio dei Panthers, poi riceve un lancio di Zahradka valido per un guadagno di 30 yard e, infine, chiude il drive offensivo con il receiving touchdown valido per il nuovo vantaggio dei padroni di casa.

Il touchdown di Jordan Bouah (credit: sportparma.com)

Il tabellone recita dunque 14 a 7 per Milano, ma i Seamen devono ringraziare la loro difesa che riesce a contenere l’avanzata degli ospiti e il kicker avversario Matteo Felli che fallisce il field goal da 27 yard. Si presenta dunque per i marinai un’occasione d’oro per aumentare il vantaggio e, difatti, il ricevitore Di Tunisi sale nuovamente in cattedra ricevendo un passaggio da 30 yard trasformato in una corsa che attraversa tutto il campo fino alla endzone. Un’ottima azione del numero 84 che aggiorna il punteggio sul 20 a 7, in seguito all’extra point bloccato dallo special team di Parma.

Il secondo quarto è sempre più scoppiettante, con la reazione degli ospiti che vedono il ricevitore Simone Alinovi attivare la connessione con Hennessey per una prima ricezione da 40 yard e, successivamente, una seconda da 35, questa volta valida per i 6 punti. Il touchdown giunge alla fine del secondo quarto, portando le squadre all’intervallo sul punteggio di 20 a 14.

Il touchdown di Simone Alinovi (credit: sportparma.com)

Il secondo tempo si apre con il possesso Seamen, subito perso a causa di un fumble del numero 24 William Petrone. Tuttavia, anche la difesa di Milano non molla un centimetro, costringendo i Panthers al field goal per accorciare ulteriormente le distanze. Questa volta Felli non sbaglia e Parma accorcia le distanze, siamo 20 a 17. I Seamen sembrano disorientati e i Panthers ne approfittano per lavorare ai fianchi gli avversari, anche se manca sempre quel qualcosa in più per andare a segno. Gli ospiti hanno infatti l’occasione per pareggiare, ma il kick di Felli sbatte sul palo destro, regalando ai padroni di casa tempo per rifiatare.

Milano prova dunque ad addormentare la partita sfruttando il gioco di corsa ma la difesa ospite non cede e, a pochi secondi dalla fine, ci pensa nuovamente Diaco a ricoprire il ruolo di quarterback e a portare il pallone nella endzone per regalare la vittoria ai Panthers allo scadere. Il punteggio finale recita conferma dunque la vittoria di Parma per 24 a 20.

Taysom Hill? No, Nick Diaco

I Panthers Parma si aggiudicano dunque il derby d’Italia e la prima vittoria stagionale, ai danni dei campioni in carica Seamen Milano, dopo una partita intensa e molto entusiasmante. Il nuovo acquisto Diaco ha fin da subito mostrato il proprio talento, mostrando la sua versatilità nel ruolo di ricevitore e di quarterback mobile, rappresentando per le Pantere un’efficace arma offensiva.  Il paragone con il professionista dei Saints è ovviamente eccessivo in termini di qualità personali, ma per poter dare un’idea ben precisa è l’esempio più calzante: proprio come Taysom Hill rappresenta la “mina vagante” tra i professionisti della NFL, la partita di Diaco ha mostrato qualche accenno del nuovo playbook offensivo dei Panthers.

In attesa dei verdetti delle sfide tra Rhinos Milano e Warriors Bologna, oltre a Ducks Lazio e Dolphins Ancona, Parma inizia la stagione alla grande, con il passo giusto per poter ambire al quinto titolo.

Please follow and like us:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.