Touchdown logo

Raiders a Cincinnati per interrompere la striscia perdente

Saranno i Bengals a rianimare i Raiders o la crisi dei californiani continuerà inesorabile anche in Ohio ? Questa è la domanda che si pone con insistenza la “Raiders Nation” prima del match che domenica prossima, si gioca alle 10.00 a.m., orario della west coast, metterà di fronte Oakland e Cincinnati, quest’ultima con un record […]


Saranno i Bengals a rianimare i Raiders o la crisi dei californiani continuerà inesorabile anche in Ohio ? Questa è la domanda che si pone con insistenza la “Raiders Nation” prima del match che domenica prossima, si gioca alle 10.00 a.m., orario della west coast, metterà di fronte Oakland e Cincinnati, quest’ultima con un record all’attivo di 5 vittorie per altrettante sconfitte. Sarà la prima gara per Carson Palmer contro la formazione nella quale ha militato per ben otto anni e nella quale presta servizio un’altra vecchia conoscenza dei Predoni: l’ex offensive coordinator Hue Jackson che in Ohio svolge il ruolo di assistente agli special team e alla difesa. I due team si sono affrontati per la prima volta nel 1968, il ruolino recita di un’impressionante 18 a 8 per Oakland e, nell’ultima occasione (2009) il successo è arriso ancora ai nero argento, vittoriosi tra le mura amiche per 20 a 17. “Prevedo un grande match” ha detto nell’ultima intervista Dennis Allen.”Dispongono di varie armi in attacco. Il wide receiver A.J. Green possiede un talento cristallino. Il tight end Jermaine Gresham è un “diavolo di giocatore” e il loro quarter back, Andy Dalton, è migliorato tantissimo negli ultimi tempi. In difesa sono reattivi, veloci. Erano una squadra da play off l’anno scorso e, a maggior ragione, lo sono in questa stagione” conclude l’head coach dei Raiders che sottolinea come una vittoria potrebbe, almeno in parte, cambiare il corso degli eventi. L’attacco di Oakland dovrà temere i line backers Rey Maualuga e Vontaze Burfict.” Ci vuole rapidità d’esecuzione, capacità nel gestire un ambiente ostile e rumoroso ed evitare turn overs ed errori gratuiti” incalza il wide receiver Rod Streater che esalta la prestazione contro i Saints del full back Marcel Reece, a suo dire possibile chiave vincente nella trasferta di Cincinnati. Gli fa da contraltare T Khlaif Barners: “Marcel è una tripla minaccia a nostra disposizione. Sa leggere il gioco, bloccare sui line backer, correre ed è dotato di mani ben educate”. Nel frattempo la difesa californiana studia come fermare il runner veterano BenJarvus Green-Hellis. Il defensive end Andre Carter lo conosce bene, avendo condiviso la stessa maglia nei New England Patriots: “Sta giocando ad alto livello” ha detto Carter. “Le cose che ha imparato nei Patriots le ha portate nella nuova squadra. E’ un runner intelligente che sa sempre cosa fare”. Anche se i Raiders hanno un record di 3 vittorie e 7 sconfitte, oltre che una striscia perdente da 3 turni, il morale, a detta di tutti, resta alto e la trasferta in Ohio potrebbe essere l’occasione giusta per affrontare a cuor leggero le ultime cinque gare della regular season. Il match, che si disputerà al Paul Brown Stadium, potrà essere seguito sul sito della NFL e su Raiders.com oltre che sulle pagine di facebook e twitter.


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.