Touchdown logo

Colts-Chargers: dominio alternato, Vinatieri sbaglia e LA la spunta.

I Chargers dominano i primi 2 quarti, ma i Colts rispondono nella seconda parte di gara cedendo solo all’overtime. Forse per colpa di Vinateri…

Colts Chargers 2019

A Los Angeles si prospettava una partita interessante, e le aspettative non sono state deluse: i Colts provano a dimostrare che nonostante lo scioccante ritiro di Luck, sono ancora pieni di talento e possono essere pericolosi anche sotto la guida di Brissett, e per farlo tengono pienamente testa ad una squadra come i Chargers, considerata tra le più complete e talentuose della lega, che però la spuntano all’overtime.

Primo quarto

In un  Dignity Health Sports Park che inizia finalmente ad assomigliare alla casa dei Chargers, entrambi gli attacchi partono male con un punt a testa a a seguito di 2 drive praticamente nulli. Gioca bene la difesa dei Colts che lascia poco spazio e riesce anche a mettere a terra Rivers sul terzo down, poi prende palla in mano Indianapolis, ma la storia cambia poco, con la OL dei Colts che subisce terribilmente i pass rushers di LA (cosa che continuerà per tutta la prima metà di partita). Nel drive successivo il backfield dei Chargers fa tutto il lavoro, con Ekeler e Jackson che corrono e ricevono per tutto il campo, senza far sentire la mancanza di Melvin Gordon. I Chargers provano un corto FG, ma una penalità a Indy gli regala il primo down che viene presto trasformato in touchdown da, neanche a dirlo, Austin Ekeler. La risposta dei Colts arriva al drive successivo, in cui Brissett e la sua OL iniziano a prendere confidenza, completando una serie di passaggi corti ma efficaci, che, accompagnati dalle corse di Mack, li portano al touchdown di Hilton per pareggiare la partita, almeno questo fino all’extra point sbagliato di Vinateri (primo errore della serata) che gli tiene sotto di un punto.

Colts 6 – Chargers 7

Secondo quarto

Il primo drive di LA è un completo dominio da parte di Rivers, che trova i sui ricevitori in profondità per ben 4 volte, ed in sole 6 azioni (compresa una sack subita) porta al touchdown i Chargers grazie ad un passaggio da 28 yards per Allen. Indy non fa nemmeno in tempo ad avere la palla che già deve ricorrere al punt, in un drive da 1 yard totale e un fumble di Brissett recuperato dallo stesso QB. LA riprende palla e fa un drive mediocre, che però li porta in zona da FG, realizzato da Long dalla distanza di 40 yard. I Colts provano a seguire a ruota grazie a qualche buon passaggio di Brissett che li porta in zona da FG, dove però Vinateri sbaglia dalle 46 yard (secondo errore).

Colts 6 – Chargers 17

Terzo quarto

Inizia Indianapolis, con Mack che fa tutto il drive da solo, correndo per 43 yards toltali e portando Indy in zona FG, dove Vinateri sta volta non sbaglia e converte dalla 44 yards. Nel drive successivo i Bolts partono lenti e avanzano poco, con Rivers che subisce un sack su terzo down e rischia di perdere un fumble, ma una penalità contro Indy li salva e con un passaggio per Henry raggiungono il primo down. Neanche il tempo di respirare e Rivers passa la palla corta ad Ekeler, che la prende e se la porta in giro per 55 yards segnando il touchdownl LA. A questo punto i Colts sono sotto di 15 e devono regaire, cercando di trovare un touchdown al drive successivo. Presto fatto, Primo down su passaggio di Brissett e poi palla in mano a Mack che la porta in end zone dopo 63 yards di corsa. Poca roba e 2 punt nei drive successivi, salvo il fatto che sul punt di Indy, il returner di LA sbaglia e ridà il possesso ai Colts, che riparte al ridosso della red zone. Mack avvicina i Colts alla end zone, ma sono poi costretti a provare un FG da 29 yards (meno di un extra point) che Vinateri…sbaglia (trezo errore della serata, complessivamente costati 10 punti ad Indianapolis).

Colts 16 – Chargers 24

Quarto quarto

I Chargers ripartono molto bene, con Rivers che spara 4 bombe e porta velocemente i Chargers in red zone. Poi ancora palla a Rivers, che dalla 7 yards spara in red zone per un Allen abbastanza libero che andrà a segnare un touchdown già fatto, se non fosse che la safety dei Colts Malik Hooker decide di spuntare dal nulla e mettere a segno quello che senza dubbio sarà l’intercetto dell’anno. Quindi si procede al drive dei Colts, con Mack che la fa ancora da padrone portando Indy in red zone anche grazie all’aiuto di Brissett, e sarà proprio quest’ultimo che con un passaggio corto per Hilton, che a sua volta fa una magia evitando 2 tackle, porta Indianapolis al touchdown e, con successiva trasformazione da 2 punti di Mack, la partita all’overtime.

Overtime

Vincono il sorteggio i Chargers, che dominano completamente il loro drive, grazie ad bomba di Rivers e qualche bella corsa di Ekeler, il quale sarà proprio il realizzatore del touchdown LA che consegna la vittoria ai Chargers.

Colts che ne escono sconfitti ma a testa altissima, perchè nonostante i tanti dubbi su come potesse essere la squadra senza Luck, hanno dimostrato di avere del grosso potenziale grazie alla difesa, ma soprattutto all’esplosivo Marlon Mack. Anche Brissett ha dimostrato di poter essere un discreto starter e ciò può classificare Indy come una squadra che può tranquillamente giocarsi i playoff senza alcun problema, specialmente considerando la division in cui si trovano. Peccato per gli errori di Vinateri (costati ben 10 punti) che, se non ci fossero stati, avrebbero potuto consegnarci un risultato differente.

Chargers che vincono ma non convincono. I pezzi per una grande stagione ci sono tutti, e la mancanza di Gordon nel backfield non si è sentita assolutamente. Però se ti fai rimontare 15 punti così e vai a vincere grazie agli errori del kicker avversario, evidentemente c’è qualcosa ancora da sistemare se si vuole essere una contendente al Superbowl.


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.