Touchdown logo

I Wildboars s'inchinano ai Grizzlies

Nell’esordio casalingo I WildBoars Bari conoscono la loro prima amarezza stagionale,infatti i Grizzilies Roma espugnano il Bellavista portandosi a casa la vittoria dopo una partita all’insegna dell’equilibrio. I capitolini vincono il sorteggio e scelgono di ricevere. Il kick off team barese esegue bene il suo lavoro costringendo l’attacco romano sulle 30 yard. La difesa ben […]


f1010003Nell’esordio casalingo I WildBoars Bari conoscono la loro prima amarezza stagionale,infatti i Grizzilies Roma espugnano il Bellavista portandosi a casa la vittoria dopo una partita all’insegna dell’equilibrio.
I capitolini vincono il sorteggio e scelgono di ricevere. Il kick off team barese esegue bene il suo lavoro costringendo l’attacco romano sulle 30 yard. La difesa ben si comporta e ai romani non resta che il punt.
Incitata dal proprio pubblico enta in campo l’offense pugliese,con il qb #16 Monaco a dirigere le operazioni. Dapprima sceglie il gioco di corse con i guadagni dei runningback #45 Lupo e #40 Orlando che macinano terreno fino a portare i cinghiali sulle 40 romane. Il qb tarantino pesca in end zone il Wr #82 Marozzo che afferra la palla in extremis dando il vantaggio al propio team. L’extra point non va a buon fine ed il risultato si attesta sul 6-0.I Grizzilies però rispondono subito. Coach Annoscia schiera una double wing che da subito risulta efficace con l’incredibile corsa di Crevatin che vola per 69 yard fin dentro l’end zone barese,l’extrapoint realizzato da il vantaggio ai romani,siamo sul 6-7.
La partita prende fuoco,un paio di colpi proibiti e la crew arbitrale a seguito di un parapiglia sulla sideline barese espelle due giocatori. I baresi si vedono privati del forte LB #54 Paleari mentre i romani perdono il rb #27 Costantini,l’interminabile drive dei cinghiali però non trova sbocchi,il running game di coach Bonner trova la caparbia opposizione della defense romana guidata dall’eccellente LB Alicino,il #33 Marella si mette alle spalle 20 yard ma la pressione sul qb Monaco provoca un sack con 16 yard di perdita e non resta che il punt che coincide con la fine del primo quarto,che però lascia ancora un altro giallo ovvero la decisione di espellere altri due giocatori uno per parte,ovvero il #99 Maggio per Bari ed il #20 Cavallo per i Grizzilies questa volta però la decisione arbitrale sembra alquanto frettolosa ed abbastanza avventata,in quanto in campo non c’era stata niente che superasse il limite del normale agonismo.
Inizia il 2nd quarto e Roma riparte con il suo gioco di corse ma gli aggiustamenti chiamati dal LB #1 Cassano risultano azzeccati costringendo gli orsi ad un nulla di fatto,rientra l’attacco ed è subito efficace,il qb dei Cinghiali lancia,è una fly che attraversa 42 yards che arriva direttamente nelle mani del talento Marozzo,in odore di convocazione in nazionale,ed è touchdown,quello del vantaggio ampliato poi con una trasformazione da 2 punti con corsa dello stesso qb Monaco fissando il punteggio sul 14-7.
Il successivo attaco dei Grizzilies viene fermato dai pugliesi, #52 Ferrari quasi intercetta ma tocca la palla quel che basta per chiudere il drive,la partita sembra volgere dalla parte dei baresi che chiudono due primi down con le corse di Marella,l’attacco sembra in palla ma qui succede il patatrack,il defensive coordinator romano Gregory Anderson legge bene l’attacco di Bonner chiamando l’aggiustamento necessario che permette l’intercetto a #50 Lolli che ritorna la palla per 55 yard fino al touchdown,l’extrapoint non va a buon fine siamo 14-13.
I romani sembrano galvanizzati,calciano un onside-kick mal gestito dai baresi,permettendo allo special team Grizzilies di recuperare la palla e riconsegnarla nelle mani del suo attacco che si dimostra davvero arrembante,la D barese sembra in affanno,la fake chiamata da coach Annoscia sorprende Bari permettendo a Petian di involarsi per 39 yard,siamo ad un 1 e goal,2 penalità ricacciano indietro Roma ,ma Petian e Ianniello risultano ancora efficaci regalando ai Grizzilies il touchdown del vantaggio,il calcio addizzionale viene fallito siamo 14-19 alla fine del secondo.
Il terzo quarto è all’insegna dell’equilibrio assoluto,le difese fanno la voce grossa dominando i rispettivi attacchi,Il qb Monaco ci mette il cuore correndo lui stesso la palla ma la difesa di coach Anderson sembra aver trovato le giuste misure,dall’altre parte l’attacco romano tenta di variare il gioco con qualche lancio senza esiti positivi,il terzo quarto scivola via lasciando il risultato invariato.
Siamo nell’ultima ripresa di gioco,il famoso “quarto quarto” emblema del sacrificio nel football americano,parte Roma all’attacco riproponendo il propio battle plan fatto di corse ma i Wild Boars non concedono nulla,il LB #50 Di Vagno autore di una bella partita fa buona guardia e blocca due volte i romani,il cb #47 Sciaqua chiude definitivamente il drive placcando il #23 Petian e riconsegnando la palla nelle mani del propio attacco.
Da qui in poi sarà un trhilling,i Wild Boars entrano in campo determinatissimi,la linea d’attacco si rende protagonista di tanti ottimi blocchi,ma a salirà in cattedra è il RB #45 Giovanni Lupo,che comincia a macinare yard e romplere placaggi uno dietro l’altro,mette sotto i piedi trenta yard in 4 giochi,#81 Cacucci ci mette il suo con una ricezione corta utile per chiudere il down,una penalità riporta indietro l’attacco mancano 37 secondi alla fine,Monaco sceglie l’opzione del tightend,passaggio su #1 Cassano che riceve e si invola dritto nella endzone barese,corsa di 23 yard che finisce propio sul paletto che determina la end zone,conciliabolo fra gli arbitri,è touchdown!!!WildBoars in vantaggio,la trasformazione viene sbagliata,siamo sul 20-19.
Mancano 27 secondi,sulla sideline romana è calato il silenzio,entrano in campo gli special team,calcia per i baresi il kicker Cacucci,è un calcio sporco il ritornatore romano #23 Petian cincischia con la palla,i baresi sembrano essere sulla palla ma con un grande gesto atletico il romano nè ritorna in possesso,al centro si apre un varco,lo prende velocente,lo special team barese sbaglia la risalita del campo,Petian prende la sideline arriva sule trenta,#24 Barone manca il placaggio siamo sulle 20,sulle 10 ed è Touchdown,una corsa fantastica,65 yard tutte d’un fiato con un colpo a sorpresa che nessuno si aspettava,l’extra point va a segno siamo 20-26.
Restano pochi secondi,i Grizzilies calciano fuori senza rischiare,palla sulle trenta baresi,si va dalla shotgun,coore il qb stesso per 16 yard poi tenta il pass dell’”Avemaria” sul wr #82 Marozzo,marcatissimo,qualche dubbio sul contatto ma per gli arbitri è tutto regolare,incompleto.Negli ultimi due giochi il centro barese #76 Fabiano,stanco e messo sotto pressione sbaglia gli ultimi due snap mettendo il qb Monaco in difficoltà che porterà al fumble finale,il qb romano Crevatin si inginocchia,il tempo si esaurisce,liberando l’urlo di gioia dei Grizzilies che conquistano così la vetta della classifica del girone E mettendo un piede nei playoff,i WildBoars apparsi un pò troppo nervosi devono migliorare qualche situazione di gioco ma avranno la possibilità di rifarsi subito,in quanto domenica 26 aprile ci sarà il return match in quel di Roma.


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.