Touchdown logo

L'orgoglio dei Blacks abbatte i Falcons

 Blacks Rivoli – Falcons Milano 23-0 Finalmente si torna in campo, ancora pioggia, ma ormai è una cosa a cui ci siamo abituati. E’ la prima volta che in cui possiamo vedere in campo tutti i titolari e ci sono ottime prospettive per una partita che si può e si deve vincere. Pochi minuti di […]


 Blacks Rivoli – Falcons Milano 23-0

Finalmente si torna in campo, ancora pioggia, ma ormai è una cosa a cui ci siamo abituati. E’ la prima volta che in cui possiamo vedere in campo tutti i titolari e ci sono ottime prospettive per una partita che si può e si deve vincere. Pochi minuti di gioco e si capisce però che non è una di quelle giornate da ricordare con piacere, questo perché c’è il primo infortunio del Campionato e colpisce il nostro QB Andrea Bisiani che deve lasciare in campo e poi nel terzo quarto anche il Centro, Olly Habilaliaj, esce per un infortunio al gomito. Finita qui? Proprio no, in quanto la ambulanza che portava Habilaliaj all’ospedale per un controllo non arrivava nel tempo massimo previsto dal regolamento, e per questo motivo la Crew arbitrale sospendeva l’incontro a pochi minuti dalla fine del terzo quarto. Per il pubblico, presente come sempre in buon numero, il rammarico di non vedere per intero la partita, ma ha assistito comunque a belle giocate ed al ritorno in cabina di regia di Alessandro Brena che ha letteralmente preso per mano l’attacco e fornito una prestazione eccellente in un ruolo che è stato suo negli anni in cui Bisiani militava in Under 21. I° Quarto. Partenza con Kick-Off Blacks e un ottimo ritorno di palla dello Special Team dei Falcons con palla nella red zone di casa e subito una difficile situazione per i Blacks. Quattro tentativi, ma niente da fare per gli ospiti bloccati da una difesa entrata in campo determinata e palla alla offense. Un paio di azioni e subito avveniva l’infortunio di Andrea Bisiani, questo creava ovvi problemi e la necessità di cambiare giocatore nel ruolo più delicato. Passava da ricevitore a QB Alessandro Brena non certo nuovo in questa veste perché è stato per anni titolare in quel ruolo, ma la situazione non si presentava facile anche per il contraccolpo psicologico. Poche giocate e poi in TD Matteo Zucco su preciso lancio di Alessandro Brena, lo stesso Zucco si incaricava della try da due con una corsa per il parziale di 8-0. Ottima ancora la difesa che bloccava ogni tentativo dei Falcons, andava addirittura a marcare due punti con una safety placcando una giocatore avversario nella sua End Zone portando il punteggio sul 10-0. Il quarto si chiudeva con una corsa del nostro QB fermata a poche inches dalla goal line avversaria II° Quarto Ancora una ottima difesa nero argento che chiudeva ogni varco agli ospiti; mentre arrivava una altra segnatura con un passaggio di Alessandro Brena per il TE Francesco Mirone che segnava con una ricezione da 31 Y.ds. Scelta della try da un punto e, come sempre infallibile, Stefano Di Tunisi trasformava per il 17-0 che mandava tutti negli spogliatoi. Da segnalare il ritorno di Kick-Off in T.D. di Nicolò Bonelli, purtroppo invalidato per un fallo. III° Quarto Utile l’intervallo per ritrovare la concentrazione di tutti e poi nuovamente in campo. Sempre in cattedra la nostra difesa che non concedeva nulla agli avanti dei Falcons, comunque sempre pericolosi e mai completamente domati. Buone sensazioni per il reparto offensivo ed ancora un lancio di Brena mandava in TD Francesco Mirone, autore di una prestazione notevole per intensità e rendimento. Si arrivava quindi al punteggio di 23 -0, dato che la trasformazione tentata da due non riusciva. Palla ai Falcons ed era Simone Alice ad effettuare un intercetto che ridava l’ennesima palla al nostro attacco, ma qui avveniva l’infortunio del centro che portava, come anticipato, alla interruzione della partita. Cosa dire, a parte il rammarico per gli infortuni, un’ altra decisione discutibile della Crew arbitrale; infatti la ambulanza è giunta sul campo una decina di minuti dopo che era stata decretata la fine della partita. Giusta applicazione del regolamento e nulla da eccepire sulle scelte effettuate, ma rimaniamo della opinione che se ci devono essere le regole bisogna anche usare il cervello nell’applicarle e salvaguardare pure lo spettacolo soprattutto in partite così definite ormai nel punteggio. Ad onore di cronaca, va detto che il viaggio della ambulanza non veniva certo agevolato dallo svolgimento della “Fiera di Primavera” a Rivoli e dalla “Maratona di Torino”; proprio questi eventi hanno poi impedito di reperire una seconda ambulanza in tempo utile. Ora ancora una sosta e poi la partita, fuori casa, contro la squadra ligure dei Predatori. Il nostro coach Gianni Brena: Come sempre non commento gli arbitri, ma devo dire che la squadra ha dimostrato tutta la sua forza e coesione e il gioco quì centra poco. E’ un gruppo quadrato che mi onoro di allenare e di cui faccio parte e che giustifica l’impegno personale di ognuno di noi per esserci. Ho visto atleti reagire da uomini e questo è importante, diventare un Blacks è un percorso formativo e difficile, ma che soddisfazione essere qui. Andiamo avanti come sempre onorando tutti gli impegni presi, dopo ci muoveremo e forse dirò alcune cose che ora tengo per me.


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.