Touchdown logo

I Niners steccano all’esordio casalingo, Chicago ultimo quarto da favola!

Secondo appuntamento per la NFL 2014-15 , al nuovo stadio di Santa Clara il Levi’s Stadium si affrontano i San Francisco 49 e i Chicago Bears. Gli uomini della baia dopo la vittoria all’esordio con Dallas si ritrovano ma con problematiche legate agli infortuni (soprattutto difensivi) ed alla gestione della disciplina fuori dal campo tanto […]


Secondo appuntamento per la NFL 2014-15 , al nuovo stadio di Santa Clara il Levi’s Stadium si affrontano i San Francisco 49 e i Chicago Bears.

Gli uomini della baia dopo la vittoria all’esordio con Dallas si ritrovano ma con problematiche legate agli infortuni (soprattutto difensivi) ed alla gestione della disciplina fuori dal campo tanto che, spifferi di carta stampata e notizie tv mettono in dubbio la capacità di coach Harbaugh di tenere ben saldo il manubrio sullo

spogliatoio. Chicago viene dalla sconfitta in overtime subita dai Buffalo Bills.

 

Si inizia con il QB ospite Cutler in attacco in posizione poco favorevole e il successivo punt bloccato complica la vita ai Bears che si ritrovano in difesa sulle proprie 8 yd. Entra in campo Kaepernick che dopo un paio di lanci trova in end zone Il WR Crabtree per l’immediato vantaggio degli uomini di casa.

Chicago non reagisce e San Francisco controlla la partita per il primo quarto anche grazie ad un lungo drive che porta via quasi 10 minuti in cui si alternano un intercetto di Kaepernick che gli arbitri tramutano in passaggio incompleto e due belle ricezioni del TE Davis. La capacità di non sfondare con le corse di San Fra quando è in zona TD costringono gli uomini di Harbaugh ad un FG che fissa in 10-0 il risultato del primo quarto.

La partita procede su un binario favorevole ai niners che sembrano in controllo delle operazione. Il numero delle penalità sta iniziando a diventare importante ed anche decisivo in certi casi. Neanche un intercetto di Kaepernick su passaggio inteso per il WR Boldin da la scossa ai Bears.

E’ in arrivo il momento “Fumble”: non contento dell’intercetto Kaepernick durante una delle sue escursioni in corsa, colpito da un avversario perde il pallone prontamente ricoperto dalla difesa ospite.

Nemmeno il tempo di entrare in campo, e Cutler si fa sfuggire il pallone ma per fortuna sua e dei suoi riesce a riprenderne il possesso! A parte queste annotazioni è sempre San Francisco con il pallino e grazie ad un punt… ospite che “posiziona” l’ovale sulle 30 yd offensive…. Kaepernick si ritrova a gestire una situazione positiva. Un lancio di 22yd porta i niners all’interno della red zone e una corsa del RB Gore muove nuovamente il tabellone in favore di SanFra a circa 3 minuti dalla fine del secondo quarto 17 -0.

Siamo già nel two minutes warning con Chicago ancora nel proprio territorio. L’azione solitaria del QB Cutler che, da solo e su corsa, guadagna 25 yards segna il risveglio degli Orsi dell’Illinois!

Un paio di penalità alla difesa avvicinano ulteriormente gli ospiti e ad una manciata di secondi dalla fine Cutler trova in end zone il WR Marshall che con una spettacolare ricezione ad una mano fissa il punteggio all’intervallo in 17-7.

Visto l’andamento del match un vero affare per i Bears.

 

Inizia il terzo quarto con gli uomini della baia in attacco ed in controllo della partita; Kaepernick imbastisce un bel drive che alterna il gioco sulla terra a quello sui passaggi portando i padroni di casa ben all’interno della red zone di Chicago. L’attacco però s’inceppa nel momento decisivo e soltanto i 3 punti da FG di Dawson rimpinguano il bottino in casa rosso oro.

Per i Bears è il momento di reagire, o ora o mai più. Il drive cruciale di Cutler e compagni si dipana abbastanza velocemente anche grazie a qualche penalità che consente guadagno gratis e prima che termini il quarto i Bears sono proprio a ridosso della red zone.

L’ultimo quarto si apre con un passaggio in end zone per Marshall e secondo TD di serata per il WR di Chicago che sono a ridosso a 14 contro i 20 di SF.

Partita riaperta!

Kaepernick entra in campo, prima azione, sulle proprie 20yd lancio in direzione di Crabtree e… intercetto di Fuller che corre verso la end zone avversaria venendo fermato sulle 10yd.

L’attacco dei Bears rientra in campo e subito punisce la difesa avversaria! Cutler lancia in end zone, alla sua destra, e il WR Bennett riceve tranquillo, quasi incontrastato e porta per la prima volta in vantaggio i suoi 21-20.

Partita letteralmente ribaltata. Kaepernick entra e dopo un primo down si trova a lanciare per un 3&12 che lo obbliga a cercare la profondità. Altro pasticcio offensivo e nuovo intercetto sempre ad opera di Fuller vero e proprio mattatore del quarto periodo.

Adesso i Bears hanno proprio la partita in mano e non si lasciano sfuggire l’occasione per infliggere un colpo definitivo al morale dei padroni di casa.

Cutler parte alla grande con un big play per quasi 30 yards; nel gioco successivo lancia in end zone per il terzo TD di Marshall. Il tabellone ore dice 28-20.

Mancano 6 minuti alla fine per San Francisco e nonostante un sack iniziale subìto è ancora viva la possibilità di recuperare e fare in modo di portare almeno in pareggio la partita. L’inizio del drive di SanFra non è niente male; soprattutto grazie all’utilizzo delle corse (visto che gli episodi precedenti hanno sconsigliato di l’uso del lancio), al two minutes warning i rosso oro sono già sulle 30yd offensive ed addirittura ai margine della red zone.

Però le penalità costringono a giocarsi prima un 3&17 e poi un 4&9 che non va a buon fine e consegna la vittoria agli ospiti.

Ultimo quarto emozionante che ha rivitalizzato una partita che sembrava in pieno controllo dei 49ers.

Dando un’occhiata alle statistiche della partita si può ben capire che i numeri non sono tutto in una partita di football. Ma la voce che più impressiona sono i 3 intercetti e 1 fumble di Kaepernick.

I padroni di casa perdono la prima partita in casa da 4 anni sotto la guida di coach Harbaugh nonché l’eserdio nel nuovo stadio e si risentono gli spifferi sulla gestione di alcune scelte offensive e sulla gestione dello spogliatoio .

Bell’ultimo quarto di Chicago, perché per nei primi 3 non aveva dato la sensazione di essere in grado di ribaltare il match.

La prossima partita vedrà i Bears di nuovo “on the road” per affrontare i Nets mentre ci sarà il primo scontro divisionale per i Niners in Arizona contro gli imbattuti Cardinals. Bel banco di prova per entrambe le franchigie. D’altra parte la NFC WEST è o no, al netto dell’infortunio del Qb dei Rams Bradford, la division più tosta della NFL?


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.