Touchdown logo

NFL 2014 POWER RANKINGS – WEEK 16

Ultimo atto della Regular Season 2014. I Seahawks emergono nuovamente come la forza da battere nella NFC: tempo di un “Repete” (Repeat + Pete Carroll)? #1 (=): New England Patriots (12-3) – vittoria coi brividi sui Jets. Si avviano ai playoff con l’etichetta di squadra da battere #2 (+3): Seattle Seahawks (11-4) – tutto come […]


Ultimo atto della Regular Season 2014. I Seahawks emergono nuovamente come la forza da battere nella NFC: tempo di un “Repete” (Repeat + Pete Carroll)?

Seattle Seahawks v Arizona Cardinals

#1 (=): New England Patriots (12-3) – vittoria coi brividi sui Jets. Si avviano ai playoff con l’etichetta di squadra da battere

#2 (+3): Seattle Seahawks (11-4) – tutto come previsto a Phoenix. Ci ritorneranno per il Superbowl?

#3 (+1): Green Bay Packers (11-4) – dopo la battuta d’arresto di Buffalo, ritorno al successo a Tampa. Domenica contro i Lions si decide il fato della NFC North

#4 (+3): Detroit Lions (11-4) – qualche difficoltà contro i Bears guidati da Jimmy Clausen, ma alla fine mantengono intatte le chance di conquista della division

#5 (+3): Dallas Cowboys (11-4) – la vittoria roboante sui Colts lascia pensare che ai playoff ci andranno da protagonisti

#6 (+3): Denver Broncos (11-4) – le ultime settimane hanno mostrato in tutta evidenza che qualcosa non sta andando per il verso giusto per Peyton Manning e per i Broncos. Ora è il momento di invertire la tendenza

#7 (+2): Cincinnati Bengals (10-4-1) – una grande vittoria sui Broncos che dà morale prima della “finale” della AFC North di domenica a Pittsburgh

#8 (+2): Pittsburgh Steelers (10-5) – ritorno ai playoff garantito dal successo di Kansas City e titolo divisionale a portata di mano, vincendo in casa contro Cincy

#9 (-7): Arizona Cardinals (11-4) – senza QB diventa impossibile anche per Arians trovare un modo per battere Seattle. Comunque ai playoff ci andranno e meritano un riconoscimento speciale per una stagione miracolosa a dispetto degli infortuni

#10 (-4): Indianapolis Colts (10-5) – la batosta di Dallas non è un buon viatico in vista dei playoff. Se vogliono fare strada nella postseason, devono cambiare registro

#11 (+3): San Diego Chargers (9-6) – semplicemente pazzesca la rimonta (ennesima) guidata da Rivers a San Francisco. Sono in controllo del proprio destino in chiave wild card AFC, ma a Kansas City devono vincere lo spareggio per ritornare ai playoff

#12 (-1): Baltimore Ravens (9-6) – avevano in mano le proprie sorti, ma perdere a Houston li condanna a sperare in una serie di risultati favorevoli, se vogliono partecipare ai playoff

#13 (-1): Philadelphia Eagles (9-6) – il patatrac era già maturato nelle ultime giornate, ma uscire ufficialmente dalla lotta ai playoff per mano dei Redskins brucia

#14 (+2): Houston Texans (8-7) – rovinano la corsa ai playoff dei Ravens, provando a prendere inerzia in vista della prossima stagione

#15 (-2): Kansas City Chiefs (8-7) – non potevano permettersi di perdere in casa dagli Steelers, meno ancora ora da San Diego. Ma senza Alex Smith non sarà semplice

#16 (+3): Miami Dolphins (8-7) – una faticaccia contro i Vikings, ma chissà che non contribuisca a salvare Joe Philbin

#17 (-2): Buffalo Bills (8-7) – alti e bassi fino alla fine. Dopo l’impresa contro i Packers, uno scivolone a Oakland con cui si suicidano in chiave wild card

#18 (-1): San Francisco 49ers (7-8) – avevano iniziato bene contro i Chargers, ma alla lunga si sono sfaldati. L’addio a Jim Harbaugh è ormai imminente

#19 (+3): Carolina Panthers (6-8-1) – difficile da credere, ma la “finalissima” per il titolo della NFC South ad Atlanta può garantirgli un inatteso posto ai playoff. E forse salvare Ron Rivera

#20 (-2): Cleveland Browns (7-8) – un vero peccato concludere una stagione promettente con un declino così evidente. E le polemiche su Johnny Manziel e Josh Gordon non lasciano presagire una offseason serena. Tanto per cambiare

#21 (+4): Atlanta Falcons (6-9) – vedi Carolina Panthers: difficile da credere, ma la “finalissima” per il titolo della NFC South ad Atlanta può garantirgli un inatteso posto ai playoff. E forse salvare Mike Smith

#22 (+2): New York Giants (6-9) – rispetto ad altre squadre che non vedono l’ora di finire la stagione, dimostrano uno spirito pugnace. Odell Beckham sarà una stella e forse Coughlin sarà ancora l’head coach fra 9 mesi

#23 (-1): Minnesota Vikings (6-9) – sconfitta combattuta quella di Miami. E ora vincere sui Bears per evitare l’ultima posizione nella NFC North

#24 (-3): New Orleans Saints (6-9) – perdere in casa dai Falcons, quando potevano assicurarsi (o quasi) il titolo della NFC South, è rappresentativo della stagione vissuta. Che lascia molta amarezza e delusione

#25 (-2): St. Louis Rams (6-9) – grandi botte e colpi bassi contro i Giants, ma ciò che resta è una sconfitta e la sensazione che Jeff Fisher non abbia portato granché, dopo tre anni di scarsi progressi, pur in una divisione di ferro

#26 (-3): Chicago Bears (5-10) – è in corso il conto alla rovescia per una vera e propria rivoluzione? La storia dei McCaskey suggerisce di no, ma le sensazioni indicano che più di una testa rotolerà nel “Black Monday”

#27 (=): Washington Redskins (4-11) – bella vittoria di fine stagione sugli Eagles. E ora ci si domanda che ne sarà di RGIII e Jay Gruden

#28 (=): New York Jets (3-12) – perdere di misura dai Patriots non è cosa da squadra in disarmo. Ma le voci di corridoio dicono che Rex Ryan abbia già ripulito il proprio ufficio. Destinazione Chicago?

#29 (=): Jacksonville Jaguars (3-12) – fanno ciò che si aspettava che facessero, battere i Titans

#30 (=): Oakland Raiders (3-12) – vincere sui Bills conferma qualche segno di speranza in vista del futuro. Ora l’attesa è per il nuovo coach. E chissà che non riescano a tenere Jim Harbaugh nella Baia di San Francisco, a dispetto dei milioni offerti dalla University of Michigan

#31 (-1): Tampa Bay Buccaneers (2-13) – missione per l’ultima giornata: perdere per assicurarsi il diritto di scegliere Marcus Mariota nel prossimo draft

#32 (-2): Tennessee Titans (2-13) – purtroppo per loro, la possibilità di scegliere per primi al draft non dipende da loro. Ma ne avrebbero un gran bisogno

 

(Photo courtesy: Norm Hall/Getty Images)


Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.